Su il debito pubblico, ma giù gli investimenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Su il debito pubblico, ma giù gli investimenti

Negli anni della crisi il debito pubblico è aumentato notevolmente. Si allarga però la forbice tra spesa corrente e spesa in conto capitale
di Redazione

Come spiega il Centro studi ImpresaLavoro attraverso la sua ultima indagine, la spesa pubblica può essere di due tipi: quella di qualità – legata ai nuovi investimenti, infrastrutturali e non – e quella dedicata al mantenimento dell’attività, ovvero quella corrente. Il guaio è che negli ultimi dieci anni la forbice in questione si è allargata notevolmente, a discapito degli investimenti.

soldi

Tra il 2005 ed il 2014, mentre la spesa pubblica italiana in relazione al Pil aumentava, passando dal 50,4% del primo anno considerato al 55%, la quota destinata agli investimenti si assottigliava sempre più, passando dal 12,5% al 9,5%. Di conseguenza è lievitata la quota relativa alla spesa corrente, passata dall’87,5% del 2005 al 90,5% del 2014.
Eppure, come spiega la relazione che accompagna lo studio, una buona spesa pubblica – concentrata quindi sugli investimenti – “porta come frutti una crescita economica, sociale e culturale”. Non solo, se la spesa pubblica del nostro Paese fosse stata indirizzata esclusivamente agli investimenti, l’Italia ne avrebbe giovato anche in termini di rapporto debito/Pil e di deficit/PIl.
Ad oggi il rapporto è pari al 132%, mentre con lo scenario alternativo proposto nell’indagine nel 2014 si sarebbe attestato al di sotto del 100%, più precisamente al 98,1%. Un valore che, secondo gli ultimi dati Eurostat, si porrebbe poco al di sopra della media dell’Eurozona, dove il rapporto tra debito pubblico e Pil è pari al 92%. Oltretutto, uno scenario simile avrebbe comportato anche un miglioramento del bilancio tra deficit e Pil: 0,4% quello ipotizzato per il 2014 contro il 3,5% del dato ufficiale.
Tornando all’andamento reale, in termini assoluti si può osservare come degli oltre 686 miliardi di euro di debito accumulati tra il 2005 ed il 2015, solo poco più di 74 miliardi siano legati dalla spesa per conto capitale, contro i 612 miliardi di spesa corrente. In parole povere, ogni dieci euro di nuovo debito, ben nove euro servono per coprire le spese ordinarie.

 

Scrivi una replica

News

Nel primo trimestre infortuni sul lavoro in aumento del 5,9% su base annua

Nel primo trimestre 2017, gli infortuni sul lavoro accaduti e denunciati all’INAIL sono stati 134 mila – 112mila dei quali in occasione di lavoro e…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Juncker: “Bisogna dire ai cittadini cosa fa l’Unione per loro”

“Sono rattristato, qualche volta scioccato, nel vedere, viaggiando attraverso l’Europa, il triste anonimato dei progetti finanziati dall’Ue. Come volete che i cittadini si avvicinino all’Unione,…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Washington: “Damasco sta preparando un nuovo attacco chimico”

Il governo siriano sta preparando un nuovo attacco chimico che potrebbe uccidere molti civili, inclusi dei bambini. Così in una nota il portavoce della Casa…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Esm: “Quello italiano non è un problema acuto”

Non c’è “un problema acuto” per il settore bancario italiano. Lo ha detto il direttore del fondo salva-Stati ESM, Klaus Regling, intervenendo dal Lussemburgo. Secondo…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia