Ripresa ancora fragile. Su l’indice di disagio sociale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ripresa ancora fragile. Su l’indice di disagio sociale

Il tasso di disoccupazione estesa si è attestato a 14,8 punti a gennaio, nello stesso mese i prezzi di beni e servizi ad alta frequenza di acquisto sono aumentati del 2,2%
di Redazione

A gennaio il Misery index della Confcommercio è nuovamente aumentato, riportandosi su livelli vicini a quelli del giugno del 2015, evidenziando come la ripresa economica dell’Italia sia ancora piuttosto fragile.

consumi-

Il MIC (appunto il Misery index della Confcommercio) misura mensilmente il disagio sociale causato dalla disoccupazione estesa – con il quale si considerano i disoccupati, i cassaintegrati gli e scoraggiati – e dalla variazione percentuale dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto. L’indice in questione a gennaio è salito a 20,3 punti dai 19,4 punti di dicembre 2016.
Osservando le tabelle della Confcommercio si può notare come il MIC si presenti in crescita costante ormai da quattro mesi – dai 18,7 di ottobre è salito ai 19,1 di novembre, ai 19,4 di dicembre e ai 20,3 delle ultime rilevazioni – riflettendo l’andamento, come spiegato, di disoccupazione estesa e quello dei prezzi di acquisto.
A fronte di un tasso di disoccupazione ufficiale pari all’11,9% (stabile da novembre, mese in cui è cresciuto rispetto all’11,7% di ottobre), quello della disoccupazione estesa si è attestato al 14,8%, in linea con le precedenti rilevazioni e in crescita rispetto ad ottobre. Nello stesso periodo i prezzi di beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto sono aumentati del 2,2%, accelerando notevolmente rispetto al +1% di dicembre, al +0,5% di novembre e al +0,2% di ottobre.
Come spiega la Confcommercio, la sostanziale stabilità rilevata per il tasso di disoccupazione esteso è legata, da un lato, all’aumento del numero dei disoccupati (+2 mila unità su base mensile), all’aumento di 30 mila unità del numero degli occupati, alla riduzione del 46,3% su base anno delle ore di Cassa integrazione guadagni e, allo stesso tempo, al passaggio di 7mila unità (su base mensile, mentre su base annua si parla di 142 mila individui) dall’area degli scoraggiati alla forza lavoro.

 

Scrivi una replica

News

CsC: “La ripresa globale non tradisce le attese di grande vivacità”

“La ripresa globale, in atto da metà 2016, non tradisce le attese di grande vivacità”. Lo scrive il Centro studi Confindustria, CsC, nella Congiuntura flash…

23 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Consumi, i prodotti alimentari rappresentano il 14,3% della spesa delle famiglie italiane

I prodotti alimentari incidono per il 14,3% della spesa delle famiglie italiane, una quota superiore alla media dei principali Paesi dell’Unione europea (11,4%). Lo rivela…

23 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

CsC: “Il Pil italiano crescerà lentamente nei primi mesi del 2017”

Il Prodotto interno lordo italiano crescerà lentamente anche nei primi mesi del 2017, dopo la modesta crescita registrata nel quarto trimestre dell’anno precedente (+0,2%). Lo…

23 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Riforme, Padoan: “Senza l’equità sociale sono armi spuntate”

“Senza l’equità sociale e l’inclusione sociale le riforme sono armi non efficaci e spuntate”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo alla…

23 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia