Smart working. I vantaggi della flessibilità | T-Mag | il magazine di Tecnè

Smart working. I vantaggi della flessibilità

L'opportunità di rendere "agile" il lavoro equivale ad un risparmio elevato. Ma non mancano alcune insidie, come svolgere le attività più a lungo nel corso della giornata. Pro e contro del nuovo modello organizzativo
di Silvia Capone

Le forme di flessibilità che riguardano il lavoro si rinnovano ed evolvono con le tecnologie a disposizione. Se negli anni ‘70 ci fu il boom del telelavoro, da qualche anno stiamo assistendo al più innovativo smart working. Il primo esempio è una tipologia di lavoro dipendente eseguito in una postazione fissa decentrata, solitamente la casa del lavoratore, mentre lo smart working – traducibile come “lavoro agile” – libera definitivamente il lavoratore da un luogo stabile, che sia la casa o una sede distaccata. Il worker è quindi legato solamente allo strumento tecnologico e alla possibilità di accesso a internet in qualsiasi postazione. Alla base della differenza tra le due modalità c’è soprattutto un cambiamento culturale che sposta l’attenzione sull’obiettivo da raggiungere più che sulla quantità di ore lavorate.

smart_working

Le nuove modalità di lavoro agile sono state analizzate dall’EUROFOUND e dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro nel rapporto “Lavorare sempre e ovunque: gli effetti sul mondo del lavoro”. Il report condotto su 10 paesi dell’UE e Argentina, Brasile, Giappone, India e Stati Uniti, evidenzia che l’incidenza del lavoro a distanza sul totale dei dipendenti varia tra il 2 e il 40% e l’Italia si posiziona al livello più basso (anche se per l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano arriva al 7% nel 2016). I primi posti della classifica sono occupati dalla Svezia e la Danimarca, rispettivamente con 32 e 37%. La media europea si attesta al 17%, dato non del tutto positivo nell’ottica dello smart working poiché è composto per la maggior parte dalla tipologia di lavoro a distanza occasionalmente alternato all’ufficio.
La flessibilità di orari e sede del lavoro comporta vantaggi sia per le aziende che per i lavoratori. Questi ultimi godono di benefici per quanto riguarda una maggior autonomia nella gestione degli orari di lavoro, e quindi maggior flessibilità della giornata lavorativa, per il risparmio in termini di tempi e costi di spostamento casa-ufficio, e di conseguenza un minor livello di stress. Le aziende vedono invece aumentare la produttività e in caso di smart working regolare hanno risparmi dal punto di vista delle strutture ed i costi fissi ad esse legati. Secondo una ricerca condotta dall’Osservatorio Smart working del Politecnico di Milano, una piena adozione delle misure di lavoro a distanza in Italia consentirebbe un risparmio di 37 miliardi di euro al sistema paese, ricavati da maggior produttività e minor costi di gestione.

Le conseguenze del lavoro flessibile non sono però solamente positive, anzi: la flessibilità può indurre talvolta a lavorare più a lungo cui segue un più alto livello di stress che si ripercuote sul benessere del lavoratore. Infatti secondo la ricerca dell’EUROFOUND e dell’ILO, i lavoratori con sede molto variabile sono quelli che più percepiscono il lavoro come fattore che influisce negativamente sulla salute.
La soluzione che emerge è di alternare lavoro di ufficio e lavoro a distanza. Infatti, secondo la ricerca, la percentuale di coloro che svolgono lavoro in sede occasionalmente variabile è la più alta, rispetto alle altre tipologie, nel percepirlo positivamente e la minore nel considerare il proprio lavoro un fattore negativo per la salute. In particolar modo in Italia si stima che i lavoratori che hanno scelto lo smart working sono oltre 250 mila, il cui livello di soddisfazione supera di molto quello dei colleghi con sede fissa: per gli uomini si registra un +22%, mentre la soddisfazione delle donne aumenta di 35 punti percentuali. Secondo la ricerca dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, lo smart worker tipo è nel 70% dei casi uomo, con età media di 41 anni, di cui il 52% lavora presso grandi aziende del nord Italia. Tra le imprese che nel nostro paese hanno già adottato misure per lo smart working, ciò avviene sulla base dei giorni mensili o settimanali di lavoro tradizionale svolto. Dal sondaggio condotto da Houzz – la piattaforma online dedicata al mondo dell’arredamento e della progettazione – all’interno della propria community, emergono però pareri poco omogenei, infatti il 56% degli intervistati sceglierebbe, se potesse, l’home working, ovvero il lavoro da casa, mentre il restante 44% preferirebbe comunque l’ufficio perché consente contatti e confronti con i colleghi.

GALASSIA LAVORO

 

Scrivi una replica

News

Inps: nei primi cinque mesi saldo tra ssunzioni e cessazioni pari a +729 mila unità

Tra gennaio e maggio 2017 il saldo tra assunzioni e cessazioni nel settore privato è stato positivo per 729 mila unità.…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Entro il 2030 la Cina vuole diventare leader mondiale dell’intelligenza artificiale

Pechino intende diventare il leader mondiale dell’intelligenza artificiale, entro il 2030. Questo è quanto prevede la strategia approvata l’8 luglio dal Consiglio di Stato della…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Upb: “Nel 2017 Prodotto interno lordo in crescita”

Nel primo trimestre 2017, il Prodotto interno lordo italiano è cresciuto dello 0,3%. Lo scrive l’UPB, l’Ufficio parlamentare di bilancio, nell’ultima nota congiunturale. Stando alle…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Musica: si è suicidato il cantante dei Linkin Park Chester Bennington

Il 41enne Chester Bennington, cantante dei gruppo numetal Linkin Park, è stato trovato morto nella sua casa di Los Angeles. Il musicista, che soffriva da…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia