Imprese: l’export crea occupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: l’export crea occupazione

Negli ultimi anni l'aumento dei nuovi posti di lavoro è un fenomeno relativamente più diffuso tra le aziende che esportano rispetto a quelle che non sono presenti sui mercati esteri
di Redazione

L’ultimo rapporto del CER – il Centro Europa ricerche – rivela che le imprese italiane esportatrici hanno contribuito alla creazione di nuovi posti di lavoro, anche negli anni della crisi economica.
L’analisi del CER sull’integrazione internazionale e l’occupazione in Italia – il rapporto è stato realizzato con il sostegno di Unindustria – osserva che le imprese italiane presenti sui mercati esteri sono più propense a generare nuova occupazione rispetto alle concorrenti non esportatrici.

l43-spagna-disoccupazione-immigrazione-120921171146_big

I dati del sistema informativo Excelsior di Unioncamere lo confermano, rilevando che nel 2016 oltre il 36% delle imprese esportatrici ha previsto per lo stesso anno di assumere nuovo personale. La quota delle imprese non esportatrici, che hanno dichiarato la stessa intenzione, è molto più bassa e pari soltanto al 17%.
Le sfide del mercato internazionale richiedono profili altamente qualificati: il 9,8% delle imprese esportatrici ha previsto l’assunzione di professioni intellettuali e scientifiche contro il 4,3% delle aziende non presenti all’estero.
Un rapporto dell’ICE – l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane – ha cercato di verificare se l’attività di export ha svolto (davvero o meno) un ruolo determinante nella creazione di nuovi posti di lavoro.
Per riuscirci, il report ha confrontato le performance occupazionali delle imprese attive sui mercati esteri con quella delle concorrenti che, sulla base delle loro caratteristiche strutturali ed economiche, avevano una probabilità di esportare pari a quella delle imprese esportatrici ma che, al contrario di queste ultime, hanno concentrato le proprie vendite sul solo mercato nazionale. Il rapporto ha messo così a confronto imprese (esportatrici e non) sostanzialmente equivalenti tra di loro, sotto diversi punti di vista (numero di addetti, settore di attività economica, localizzazione geografica della sede legale, produttività del lavoro, età aziendale).
Dall’indagine, ad esempio, emerge che nell’anno considerato – il rapporto analizza la stima della variazione di posizioni lavorative tra il quarto trimestre 2014 e il quarto trimestre 2015 – la presenza sui mercati esteri è stata accompagnata da una dinamica occupazionale leggermente migliore: dopo la crisi economica, gli esportatori hanno aumentato i posti di lavoro del 3,7%, a fronte del +3,1% dei non esportatori.

 

Scrivi una replica

News

Draghi: «Alzeremo i tassi in maniera paziente e graduale»

«Rimarremo pazienti nello scegliere le tempistiche del primo innalzamento dei tassi e utilizzeremo un approccio graduale per adeguare la politica successivamente». Lo ha detto il…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Def, Tria: «Bisogna continuare con il calo del debito»

«Il quadro macroeconomico tendenziale del Def prevede un deficit allo 0,8% del Pil nel 2019 e il pareggio di bilancio nel 2020, con il debito…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «L’Ue è inadeguata, serve una profonda riforma»

«La nostra azione in Europa deve essere volta verso una profonda riforma delle istituzioni economiche. È necessario che l’architettura economica che governa l’area valutaria comune…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «La Bce sarà paziente sul rialzo dei tassi»

«La Banca centrale europea rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria».…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia