Cresce l’e-commerce in Italia, ma a un passo troppo lento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce l’e-commerce in Italia, ma a un passo troppo lento

Un maggiore sviluppo del commercio elettronico avrebbe un notevole impatto positivo per le aziende italiane. Nel nostro Paese solo il 6% del fatturato delle imprese deriva dall’e-commerce contro una media Ue28 del 15%
di Redazione

Il nostro Paese è terzultimo in Europa per acquisti online. È quanto emerge da un’analisi che il Centro Studi Impresa-Lavoro ha svolto su dati Eurostat. Nel 2016 stando ai dati, solo il 29% degli italiani ha fatto acquisti in rete.

e-commerce

Si tratta di una quota superiore solo a quella della Bulgaria, al penultimo posto don il 17%, e a quella della Romania, in coda alla classifica con 12%. La media europea si pone quindi ben più in alto, con una quota pari al 55%. Al capo opposto della classifica troviamo il Regno Unito, primo con l’83%, e a seguire la Danimarca con l’82% e il Lussemburgo con il 78%. Gli altri nostri principali partner – Germania e Francia, rispettivamente con il 74% ed il 66% – presentano tutti quote superiori, alla media Ue, tranne la Spagna che, facendo comunque meglio di noi, si ferma al 44%.
Appare quindi chiaro il ritardo del nostro Paese riguardo l’e-commerce, un ritardo dovuto in larga parte – spiegano dal Centro Studi – anche all’inefficienza delle infrastrutture, basti pensare che, secondo i dati netindex.com, l’Italia è il 93esimo Paese al mondo per velocità di download domestica dopo la Grecia.
Gli ultimi dati sul valore dell’e-commerce indicano per l’Italia una cifra di circa 21 miliardi di euro che, per quanto in crescita, contribuisce solo in minima parte al totale del valore europeo, pari a 600 miliardi di euro l’anno. La colpa di ciò è anche la scarsa propensione delle imprese ad investire in strumenti adatti allo scopo (in Italia solo il 6% del fatturato delle imprese deriva dall’e-commerce contro una media Ue28 del 15%), eppure, secondo diversi studi, un maggior sviluppo dell’e-commerce porterebbe diversi vantaggi.
Innanzitutto, se si riuscisse a far adottare alle famiglie italiani una frequenza di acquisto simile a quella della media dell’Eurozona, il mercato dell’e-commerce italiano potrebbe arrivare a toccare i 50 miliardi di euro, raddoppiando quindi rispetto al valore attuale. Ma non solo, secondo un’indagine di BEM Research, nei Paesi dove l’e-commerce è diffuso maggiormente, le imprese sono più grandi, assumono, producono e investono di più.

 

Scrivi una replica

News

Nel primo trimestre infortuni sul lavoro in aumento del 5,9% su base annua

Nel primo trimestre 2017, gli infortuni sul lavoro accaduti e denunciati all’INAIL sono stati 134 mila – 112mila dei quali in occasione di lavoro e…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Juncker: “Bisogna dire ai cittadini cosa fa l’Unione per loro”

“Sono rattristato, qualche volta scioccato, nel vedere, viaggiando attraverso l’Europa, il triste anonimato dei progetti finanziati dall’Ue. Come volete che i cittadini si avvicinino all’Unione,…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Washington: “Damasco sta preparando un nuovo attacco chimico”

Il governo siriano sta preparando un nuovo attacco chimico che potrebbe uccidere molti civili, inclusi dei bambini. Così in una nota il portavoce della Casa…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Esm: “Quello italiano non è un problema acuto”

Non c’è “un problema acuto” per il settore bancario italiano. Lo ha detto il direttore del fondo salva-Stati ESM, Klaus Regling, intervenendo dal Lussemburgo. Secondo…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia