Produttività: quali ostacoli alla crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produttività: quali ostacoli alla crescita

Secondo la Commissione europea, una debole dinamica della produttività spiega in larga misura una crescita meno sostenuta del Prodotto interno lordo italiano rispetto al resto della zona euro
di Redazione

Recentemente il governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha indicato nel rilancio della produttività uno degli obiettivi principali dell’Unione europea. Ciò vale in modo particolare per l’Italia.

industrial-1636390_1280

Una delle ultime analisi dell’ISTAT rivela che, nel nostro Paese, tra il 1995 e il 2015 la produttività del lavoro – calcolata come il valore aggiunto per ora lavorata – è cresciuta mediamente dello 0,3% all’anno, al di sotto tanto della media UE (+1,6%) quanto di quella Eurozona (+1,1%).
Contemporaneamente altri Paesi mostravano tassi di crescita in linea con la media europea: Germania (+1,5%), Francia (+1,6%), Regno Unito (+1,5%). Anche il tasso spagnolo si è attestato su valori inferiori alla media europea, ma mantenendosi al di sopra di quelli italiani (+0,6%).
Nel 2015, l’Italia è stato l’unico paese a registrare una flessione della produttività del lavoro (-0,3%), in un contesto tuttavia di rallentamento che ha coinvolto anche Germania, Francia e Spagna, che pure hanno evidenziato variazioni positive.
La Commissione europea spiega che l’andamento della produttività italiana continua ad essere influenzato dal “ristagno” della produttività totale dei fattori e dal fatto che gli investimenti non sono ancora ripartiti, dopo il netto calo registrato nel corso della crisi economica.
Molti altri sono i fattori che incidono (negativamente) sulla debole crescita della produttività. Bruxelles ne indica alcuni: le carenze del funzionamento dei mercati del lavoro, dei capitali e del prodotto, a cui si sommano “le inefficienze” della pubblica amministrazione e del sistema giudiziario. All’elenco degli ostacoli strutturali alla crescita della produttività, l’OCSE – l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico – aggiunge anche lo “scarso livello di concorrenza”.
Secondo le stime della Commissione europea, in Italia, la produttività del lavoro dovrebbe crescere solo “moderatamente nel 2017 e nel 2018”, restando comunque ben al di sotto del tasso di crescita previsto per la zona euro.
Allargando l’orizzonte temporale, il Fondo monetario internazionale (FMI) avverte che, tra i Paesi dell’UE, l’Italia rischia di pagare il prezzo più alto in termini di mancata produttività a causa dell’invecchiamento della forza lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Francia, nel 2016 il Pil è cresciuto dell’1,1% rispetto all’anno precedente

Nel quarto trimestre del 2016, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto sia su base trimestrale (+0,4%) quanto su quella annuale (+1,1%). Lo ha…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, nel 2016 rapporto tra deficit e Pil in calo al 2,1%

Nel 2016, il rapporto tra il deficit e il Prodotto interno lordo portoghese era pari al 2,1%, in calo dopo il 4,4% dell’anno precedente. Lo…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Non vogliamo un’ Europa divisa”

“Non vogliamo una Europa divisa, l’Europa è unita e indivisibile, ma vogliamo anche andare avanti su una idea comune di Europa, in aree ad esempio…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dombrovskis: “L’Italia ha una ripresa modesta”

“L’Italia avrà quest’anno una crescita di circa l’1%. E’ una ripresa modesta, è molto importante rimanere in rotta rispetto alla traiettoria fiscale e di riforme”.…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia