L’energia pulita crea occupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’energia pulita crea occupazione

Oltre a garantire un maggior rispetto per l'ambiente, l'energia pulita riduce la dipendenza dei Paesi UE dalle importazioni energetiche
di Redazione

Gli ultimi dati dell’Eurostat – nel 2015 la quota di energia da fonti rinnovabili nei consumi finali nell’UE ha raggiunto il 16,7% – certificano che l’Unione europea si sta avvicinando al suo obiettivo: ottenere il 20% dell’energia complessiva (elettricità, trasporti, raffreddamento e riscaldamento) entro il 2020.

fonti-rinnovabili-enac-piano-scali-nazionali-ecosostenibili

I target variano da Paese a Paese, in realtà: l’Italia ha centrato il suo obiettivo – il 17% dell’energia da fonti rinnovabili entro il 2020 –, già nel 2014. Nel 2015 ha soltanto incrementato questa quota, toccando il 17,5% (+0,4% rispetto all’anno precedente).
Altri invece – nella nota l’Eurostat cita il caso di Francia, Paesi Bassi, Irlanda, Regno Unito e Lussemburgo – sono ancora molto lontani dal raggiungimento del proprio obiettivo. Nel complesso, però, l’obiettivo generale sembra a portata di mano. Una volta centrato i Paesi europei si impegneranno a conseguirne un altro.
Nell’ottobre del 2014, il Consiglio europeo ha approvato il quadro per le politiche dell’energia e del clima per l’UE, assumendosi l’impegno di ridurre di almeno il 40% le emissioni di CO2 entro il 2030 (l’obiettivo dovrà essere conseguito da tutti i settori economici).
Quella dell’Unione europea non è una scelta priva di fondamento: oltre a garantire un maggior rispetto per l’ambiente, l’energia pulita riduce la dipendenza dei Paesi UE dalle importazioni energetiche. Questi non sono gli unici vantaggi, ovviamente.
Nel novembre scorso, la Commissione europea ha avanzato delle proposte nell’ambito dell’azione “Energia pulita per tutti gli europei” – una di queste prevede di aumentare l’obiettivo di efficienza energetica passando dal 27% al 30%, rendendolo vincolante – che intendono privilegiare l’efficienza energetica, conquistare la leadership a livello mondiale nelle energie rinnovabili e garantire condizioni eque ai consumatori.
Secondo la Commissione europea, mobilitando fino a 177 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati ogni anno a partire dal 2021 – nel 2015, a livello globale, le energie pulite hanno attratto investimenti per 286 miliardi di dollari (dati Renewables 2016 Global Status Report di REN21) –, si potrebbero generare oltre 900mila nuovi posti di lavoro e ottenere un aumento dell’1% del Prodotto interno lordo, nell’arco di una decina d’anni.
Secondo il WWF, l’adozione di “un obiettivo di efficienza energetica più ambizioso”, del 40%, garantirebbe un risparmio fino a 32 miliardi di euro all’anno in termini di impatto sulla salute dell’inquinamento atmosferico e 2,6 milioni di posti di lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Elezioni, CsC: “Saranno un test molto rilevante”

“Le prossime elezioni politiche si presentano come un test molto rilevante e disegnano per il Paese una biforcazione tra il proseguire il lungo cammino delle…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: “Non accettiamo passi indietro dal Regno Unito”

L’Unione europea non accetterà passi indietro da Londra, nel negoziato sulla Brexit. “Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta” siglata venerdì scorso dal…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Eurostat: “Nel terzo trimestre nuovo record di occupati”

Nel terzo trimestre 2017, l’occupazione nell’Eurozona è cresciuta dello 0,4%. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, sottolineando che il numero degli occupati ha…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il 61% degli elettori dichiara che voterà per Putin alle elezioni

Il 61% degli elettori russi ha ammesso che voterà per Vladimir Putin alle prossime elezioni presidenziali, in programma il 18 marzo 2018. Lo rende noto…

13 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia