Il contributo del manifatturiero al Pil | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo del manifatturiero al Pil

Secondo gli analisti di Confindustria, nei Paesi avanzati, l'aumento di un punto percentuale del suo peso sul totale dell'economia aumenta di 0,5 punti percentuali il ritmo di incremento annuo del Prodotto interno lordo
di Redazione

Quella registrata nell’Eurozona – a febbraio l’indice Markit PMI si è attestato a 55,4 punti, in salita da 55,2 di gennaio – è stata la crescita più significativa dall’aprile del 2011. Molto positiva è stata l’espansione rilevata in Italia. Si tratta di una buona notizia, ovviamente.

manifattura

Il comparto manifatturiero italiano non è uscito indenne dalla crisi economica: i dati dell’ISTAT sulle forze di lavoro certificano che, tra il 2009 e il 2015, la contrazione degli occupati – il comparto ha perso il 9,3% degli addetti – è stata più consistente rispetto a quella registrata nell’intero sistema economico (-1%).
Tantissime sono state le imprese costrette a chiudere i battenti, del resto: tra il 2009 e il primo semestre del 2016 il comparto ne ha perse 54.992, pari al 9,2% del totale (a fronte del -2,5% relativo all’intera economia italiana).
In molte hanno fatto i conti con la stretta creditizia – il credito bancario rappresenta la prima fonte di finanziamento per tante imprese di piccole e medie dimensioni – che ha caratterizzato gli anni della crisi economica e colpito, in particolare, proprio il settore manifatturiero: il Centro studi di Confindustria (CsC) stima che, dal luglio 2016 al picco massimo del 2011, lo stock dei prestiti destinato al comparto è diminuito di 42 miliardi di euro (-17,7%).
Difficoltà che hanno colpito l’ancora consistente tessuto imprenditoriale manifatturiero – al 31 dicembre del 2016, le attività manifatturiere iscritte alle Camere di Commercio erano 576.303 –, senza impedirgli di restare tra i primi quattro comparti per numero di imprese. Meglio fanno solo il commercio, le costruzioni e le agricoltura (dati Unioncamere).
Il manifatturiero è un comparto strategico perché, come osservato in un’analisi di qualche tempo fa dal Centro Studi di Confindustria, genera gran parte dei guadagni di produttività dell’intero sistema economico. Lo fa tanto direttamente, attraverso l’innovazione tecnologica applicata ai suoi processi e ai suoi prodotti, quanto indirettamente, attraverso l’utilizzo negli altri settori dei beni manufatti che presentato queste innovazioni.
L’importanza del settore manifatturiero è certificato anche dalle stime del CsC. Secondo gli analisti di Confindustria, nei Paesi avanzati, l’aumento di un punto percentuale del suo peso sul totale dell’economia aumenta di 0,5 punti percentuali il ritmo di incremento annuo del Prodotto interno lordo.

 

Scrivi una replica

News

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, dal 2008 meno negozi più bar-ristoranti e hotel

Attualmente rispetto al 2008, in Italia, ci sono circa 62mila negozi in meno (-10,9%), 39mila bar-ristoranti-hotel in più e una grande crescita delle imprese commerciali…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia