Industria: giù a inizio 2017 fatturati e ordinativi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Industria: giù a inizio 2017 fatturati e ordinativi

Giù del 3,5% il fatturato e del 2,9% gli ordini tra dicembre e gennaio. Bene, invece, la media trimestrale e il confronto annuo
di Redazione

Brutte notizie, almeno sul fronte congiunturale, dall’industria. A gennaio l’Istat ha infatti registrato una flessione sia del fatturato che degli ordinativi del settore rispetto al mese precedente, confermando sia la fragilità della domanda interna che le difficoltà che stanno interessando il commercio mondiale.

produzione_industriale

A gravare sul fatturato dell’industria – in calo del 3,5% tra dicembre 2016 e gennaio 2017 – sono state infatti sia la componente interna (-2,3%) che quella estera (-5,4%). Per quanto riguarda invece i prodotti, dalle tabelle dell’Istat si osserva come ha causare la diminuzione dell’indice generale del fatturato delle industrie italiane siano state tutte le tipologie meno l’energia (che riporta un +3,5%): per i beni di consumo si registra infatti un -3,4% – con una flessione più marcata per i beni di consumo durevoli, -9,2%, a fronte del -2,4% dei beni di consumo non durevoli -, per i beni strumentali un -5,1%, per quelli intermedi un -3,5%. Al netto dell’energia il calo del fatturato si amplia ad un -4%.
Per quanto riguarda invece la flessione congiunturale degli ordinativi (-2,9% tra dicembre e gennaio), dal resoconto dell’Istituto di statistica emerge come a pesare sia stata solo la componente nazionale che, scendendo del 6,6%, ha bilanciato negativamente il +2,6% messo a segno sul fronte estero.
Ma se il dato mensile di entrambi gli indici si è contratto, invertendo la rotta rispetto ai tre mesi precedenti (+0,8% a ottobre, +2,3% a novembre e +2,5% per il fatturato e +1,1% a ottobre, +1,6% a novembre e +3% a dicembre per gli ordinativi), la media trimestrale si è comunque mantenuta in territorio positivo, riportando una crescita dell’1,7% per il fatturato (+1,7% per quello intero e +1,8% per quello estero) e dello 0,8% per gli ordinativi totali (+0,5% per quelli interni e +1,3% per quelli giunti dai mercati esteri).
Anche a livello tendenziale l’Istat rileva un aumento sia del fatturato che degli ordinativi. Rispettivamente si registra infatti un +8,2% per il fatturato (+7,7% per mercato interno e +9% per quello estero) ed un +8,6% per gli ordinativi (+7,9% per quelli interni e +9,5% per quelli esteri).
In questo caso è possibile osservare l’andamento dei principali settori di attività economica. Dalle tabelle dell’Istat si nota una forte contrazione annua del fatturato delle attività estrattive (-11,9%) delle industrie tessili, dell’abbigliamento e degli accessori (-4,5%), delle industrie del legno, della carta e della stampa (-5,1%) e delle altre industrie manifatturiere, della riparazione e dell’istallazione di macchine ed apparecchiature (-9,6%), mentre la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+18,9%), la produzione di prodotti farmaceutici (+10,6%) e la fabbricazione di mezzi di trasporto (+6,2%) riportano le variazioni positive più consistenti.

 

Scrivi una replica

News

Quirinale: Mattarella convoca per le 17 il presidente della Camera, Roberto Fico

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato per le ore 17 di oggi (lunedì 23 aprile, ndr), al Palazzo del Quirinale, il presidente della…

23 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia adotta la legge sull’immigrazione e sull’asilo

Con 228 voti a favore e 139 contrari, la Francia ha adottato il progetto di legge sull’immigrazione, l’asilo e l’integrazione, volto ad accelerare i tempi…

23 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Isis: «Attaccate Usa e i paesi della coalizione»

Abul-Hassan Al-Muhajir, portavoce ufficiale dell’Isis, è tornato a chiedere di compiere attacchi negli Stati Uniti e nei paesi della coalizione che combatte lo Stato islamico.…

23 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 116 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 116 punti.…

23 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia