Il Mezzogiorno punta sull’innovazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Mezzogiorno punta sull’innovazione

I segnali di vitalità lanciati dalle start-up e dalle PMI innovative sono tanto più interessanti se si considera che provengono dai settori più coinvolti nella rivoluzione di Industria 4.0
di Redazione

Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2017 – il report è stato curato da Confindustria e dal CERVED, con la collaborazione di Srm-Studi e Ricerche per il Mezzogiorno – evidenzia che “timidi ma significativi” segnali provengono dall’innovazione.
Sebbene il gap rispetto al Centro-Nord del Paese sia ancora evidente, non sono poche le imprese del Mezzogiorno “che hanno scelto l’innovazione come chiave della propria crescita”.

lavoro_innovazione

Ciò appare evidente dal punto di vista quantitativo, innanzitutto. Lo studio – oltre alle start-up e PMI innovative iscritte alle sezioni speciali del Registro delle Imprese, l’analisi ha considerato anche le società che, pur producendo innovazione, non sono iscritte ai registri ‘ufficiali’ – ha individuato oltre tremila start-up e PMI innovative presenti nel Mezzogiorno.
Una platea di imprese che impiega oltre 23mila addetti e produce ricavi per quasi tre miliardi di euro, in cluster “dalle grandi potenzialità” (l’ecosostenibilità, il biotech, il settore software e internet of things, il settore mobile e smartphone, la modellazione 3D, big data…).
Tutti settori, che mostrano incoraggianti segnali di vitalità, tanto più interessanti se si considera che sono tra i più coinvolti nella rivoluzione di Industria 4.0, sottolineano Confindustria e CERVED.
Dal 2017, al Sud, grazie al “Piano nazionale Industria 4.0 2017-2020” dell’esecutivo italiano potrebbero partire investimenti innovativi aggiuntivi cumulati per circa quattro miliardi di euro (tra pubblico e privato). Questi investimenti, nell’arco dei quattro anni del piano governativo, potrebbero produrre un recupero di produttività del 15%.
Grazie al recupero della produttività potrebbe aumentare tanto il fatturato – l’incremento stimato è pari al 5,5%, circa sei miliardi di euro l’anno – quanto il Prodotto interno lordo: la crescita aggiuntiva potrebbe essere di circa l’1%.
L’Industria 4.0 potrebbe generare (naturalmente) una crescita aggiuntiva anche a livello nazionale. Secondo le stime del presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, Marco Gay, l’Industria 4.0 vale quattro punti percentuali di PIL nei prossimi tre anni, il che significa 110 miliardi di ricavi per le imprese nel prossimo quinquennio. Ricavi che raggiungono i 300 miliardi, se nel computo si includono anche le realtà di sharing economy.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Di Maio: «L’Italia non ratificherà il Ceta»

L’Italia non ratificherà il CETA, il trattato di libero scambio negoziato tra Canada e Unione europea. Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro,…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Regno Unito e Stati Uniti stringeranno un accordo di libero scambio»

Stati Uniti e Regno Unito creeranno un’area di libero scambio. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Donald J.Trump, intervenendo in occasione del suo incontro con…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Bankitalia: «A maggio debito pubblico in aumento a 2.327 miliardi»

A maggio 2018, il debito pubblico italiano ha raggiunto i 2.327 miliardi di euro. Lo rende noto la Banca d’Italia attraverso la diffusione del supplemento…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bitcoin, Uif: «La criminalità organizzata si serve anche delle valute virtuali»

La criminalità organizzata si serve anche delle «valute virtuali» per «il reinserimento dei proventi illeciti nell’economia regolamentata». Così il direttore della Unità di informazione per…

13 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia