Lavoro: cresce il numero dei dipendenti, fermi gli autonomi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: cresce il numero dei dipendenti, fermi gli autonomi

Migliora la partecipazione al mercato del lavoro a fine 2016: gli inattivi scendono del 3,3%
di Redazione

Dalla consueta nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione – realizzata e diffusa da Istat, Ministero del Lavoro, Inps e Inail – emerge come nel quarto trimestre del 2016 sia proseguita la tendenza all’aumento dell’occupazione, con dinamiche positive sia livello congiunturale (quindi rispetto al trimestre precedente) che tendenziale (rispetto allo stesso periodo dell’anno prima).

Rispetto al quarto trimestre dell’anno precedente il numero degli occupati è infatti aumentato dell’1,1% (+252 mila in termini assoluti), mentre rispetto al terzo trimestre del 2016 la crescita si limita ad un più timido +0,1%, aumentando quindi di 28 mila unità.
L’aumento tendenziale, si legge nella nota è legato quasi esclusivamente agli occupati dipendenti che, crescendo in termini assoluti di 254 mila unità, bilanciano positivamente il calo di duemila unità registrato dagli indipendenti. In valori percentuali i lavoratori dipendenti riportano infatti una crescita annua dell’1,5% a fronte della variazione nulla che ha interessato gli autonomi.
Osservando la tabella relativa domanda di lavoro nei diversi settori, si nota come nell’industria in senso stretto si sia registrata una variazione tendenziale positiva di 0,8%, a cui si aggiunge il +4% rilevato invece per il settore dei servizi. Riporta invece un -2,1% il settore, ancora in difficoltà, delle costruzioni.
Dai dati emerge poi un miglioramento della partecipazione al mercato del lavoro. Secondo le rilevazioni, infatti, il numero degli inattivi di età compresa tra i 15 ed i 64 anni, è diminuito di 455 mila unità tra l’ultimo trimestre del 2015 e lo stesso periodo del 2016, registrando un 3,3%. Di conseguenza ha riportato un aumento il numero dei disoccupati, cresciuti di 108mila unità (+3,5%). Il confronto congiunturale mostra un -0,9% per gli inattivi (120mila unità) ed un +2,5% per i disoccupati.

 

Scrivi una replica

News

Manchester, la valutazione del rischio attentati secondo gli italiani

L’attentato a Manchester, avvenuto la sera del 22 maggio 2017, subito dopo la chiusura del concerto della popstar Ariana Grande che si è tenuto alla…

23 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, nel primo trimestre Prodotto interno lordo in crescita dello 0,6%

“L’economia tedesca continua a crescere”. Lo rende noto Destatis, l’Istituto federale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa. Nel primo trimestre 2017, il…

23 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manchester, lo Stato islamico ha rivendicato la paternità dell’attentato

Il gruppo terrorista Stato islamico (IS) ha rivendicato l’attentato di Manchester. Lo ha fatto attraverso un comunicato diffuso dai canali ufficiali dell’organizzazione e non da…

23 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, Gentiloni: “Al G7 ribadiremo che la vigliaccheria non avrà la meglio”

“Lavoriamo in queste ore perché dal G7 di Taormina arrivi un messaggio il più possibile forte di impegno straordinario comune contro il terrorismo”. Lo ha…

23 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia