Mercato del lavoro: c’è da essere soddisfatti? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato del lavoro: c’è da essere soddisfatti?

Molti enfatizzano il dato di incremento degli occupati su base annua, ma qual è la lettura corretta della situazione?
di Fulvio Fammoni

L’ISTAT nel primo paragrafo del rapporto di febbraio su Occupati e disoccupati, conferma che l’andamento dell’occupazione è entrato sostanzialmente in fase di stallo negli ultimi quattro mesi. Eppure molti enfatizzano il dato di incremento degli occupati su base annua. Qual è dunque la lettura corretta della situazione?

La realtà del lavoro nell’ultimo anno vede un forte incremento degli ultra cinquantenni (+400 mila su base annua) in buona parte grazie anche al sensibile calo dei pensionamenti; un cospicuo decremento nella fascia di età fra 25 e 49 anni (-123 mila unità) e a una sostanziale stabilità dei più giovani (+15 mila). Si arriva così al dato di +290 mila occupati su base annua. Né va meglio se invece si prende a riferimento il confronto tra gli ultimi due trimestri e addirittura il quadro peggiora se si comparano gennaio e febbraio 2017.
Se poi, si esaminano qualitativamente questi dati, ci si accorge che, ad esempio, a febbraio 2017 i dipendenti stabili sono calati di 17 mila unità rispetto a gennaio e i dipendenti a termine sono aumentati di 23 mila. Il sorpasso dei lavori precari su quelli stabili riguarda anche gli ultimi due trimestri e l’ultimo anno.
C’è dunque da essere soddisfatti? La risposta è no e dovrebbe essere quella di tutti sulla base della lettura dei dati ufficiali.
Cala la disoccupazione, che resta però ancora di circa 3 punti più alta del 2012; di 2 punti superiore alla media della UE a 19 ed il quinto peggior dato fra i paesi dell’eurozona simile a quello di Cipro e della Croazia (sic).
In ogni caso, non si può tutte le volte, secondo la convenienza, cambiare il giudizio sull’andamento di disoccupazione e inattività. Quando la disoccupazione sale e l’inattività diminuisce si afferma che è positivo che le persone si rimettano in cerca di lavoro. Quando la disoccupazione cala e cresce l’inattività invece si evidenzia solo il primo aspetto.
L’inattività italiana è al top in Europa, ed è evidente che all’interno di quest’area si colloca una quota di disoccupazione non rilevata dai parametri ufficiali. Infatti, il tasso di occupazione italiano, simile a quello spagnolo, riscontra oltre 6 punti di differenza nella disoccupazione, spiegabile solo con un meccanismo di vasi comunicanti tra i due valori.
In sintesi, dopo l’aumento delle assunzioni nel 2015 – che si può affermare in modo definitivo essere legate a incentivi peraltro estremamente onerosi –, l’occupazione è entrata in fase di stallo. In mancanza di investimenti e di politiche economiche espansive che rilancino lo sviluppo e influiscano positivamente sul clima di sfiducia economica, il sistema produttivo italiano non genera quantità di lavoro sufficienti malgrado una sempre più crescente predominanza di lavoro precario.

*presidente della Fondazione Giuseppe Di Vittorio

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia