Mercato delle auto verso i livelli pre-crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato delle auto verso i livelli pre-crisi

Gli operatori del settore esprimono un certo livello di fiducia riguardo l’andamento del comparto. Preoccupa comunque il quadro economico e politico del Paese
di Redazione

Il mercato delle auto continua la sua crescita, riportandosi verso i livelli pre-crisi. Anche il 2017 è, infatti, ripartito in doppia cifra per le immatricolazioni, segnando – secondo le rilevazioni della Motorizzazione Civile – un aumento dell’11,93% nel primo trimestre dell’anno sullo stesso periodo del 2016.

Un trend che, se confermato, – spiega il Centro Studi Promotor – potrebbe far chiudere il 2017 con 2.043.000 immatricolazioni, portando il dato italiano oltre quota due milioni per la prima volta dopo anni e riavvicinandosi notevolmente alle 2.490.570 immatricolazioni registrate nel 2007.
Solo nel mese di marzo, la Motorizzazione civile ha registrato 226.163 auto nuove, riportando una crescita del 18,2% rispetto allo stesso mese del 2016, mettendo a segno il trentaquattresimo aumento consecutivo, nonché il più elevato volume di immatricolazioni registrato nel mese di marzo dal 2010 (quando le immatricolazioni si attestarono a 259 mila unità).
Dall’indagine mensile del Centro Studi Promotor, nella quale intervista i principali operatori del settore sulla situazione del mercato, emerge un certo grado di ottimismo. Secondo il 63% degli operatori, infatti, a marzo l’affluenza negli show room si è attestata su livelli normali o alti, come su medi o alti livelli, secondo il 64% degli interpellati, si sono attestati i nuovi ordini. A ciò si aggiunge anche il fatto che, secondo l’85% degli operatori, nei prossimi mesi la domanda potrebbe crescere ulteriormente, o quanto meno mantenersi sui livelli attuali.
Dalle rilevazioni emerge inoltre come a trainare la domanda siano soprattutto il lancio di nuovi modelli e le promozioni messe in campo dalle case automobilistiche stesse, che in un modo o nell’altro vanno in contro ai consumatori. Al contrario, come fattore destabilizzante gli operatori del comparto indicano la situazione economica attuale del Paese: “nonostante la ripresina in atto – spiegano dal Centro Studi – il quadro economico è ancora largamente insoddisfacente, e molte preoccupazioni si nutrono anche per la situazione politica”.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Macron: “Il passaggio alla fase 2 del negoziato è nelle mani della May”

“Il passaggio alla fase 2 del negoziato sulla Brexit è nella mani di Theresa May. Sul fronte finanziario non siamo neanche a metà del cammino…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Raqqa dichirata ufficialmente libera dalle forze filo-Usa

Le forze filo-Usa hanno dichiarato Raqqa ufficialmente libera. La città era “capitale” dello Stato islamico ed è stato ufficialmente dichiarato libera da ogni presenza di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalogna, accordo Pp-Pse per elezioni a gennaio in caso di commisariamento con art. 155

Se la regione ribelle sarà commissariata con l’art. 155 della costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajpy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno deciso di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Possibili misure su web tax in manovra”

“Nella cena di ieri i leader Ue hanno discusso a lungo di web tax, ma voglio sia chiaro che i tempi Ue, così come quelli…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia