Perché i consumatori acquistano in rete | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché i consumatori acquistano in rete

L'aspetto economico, la comodità dello shopping e l'assortimento sono tra le ragioni principali
di Redazione

Di recente diverse ricerche hanno certificano la crescita dell’e-Commerce, in Italia. L’ultima indagine del PwC – Total Retail 2017 – offre qualche dato in più. Secondo il PwC, il 20% dei consumatori italiani acquista tramite smartphone almeno una volta la settimana (in crescita rispetto al 14% del 2015), il 19% acquista via tablet (dal 12% del 2015) e il 32% acquista tramite PC (dal 24%).

L’aspetto economico è il motivo principale che convince i consumatori ad acquistare i prodotti on-line: il prezzo è stato indicato con il fattore decisivo dal 49% del campione – quote più alte si registrano solo in Cile e Brasile, osserva la ricerca –, seguito dalla comodità dello shopping (30%) mentre l’assortimento è indicato solo dal 18% degli intervistati. A preferire l’e-Commerce sono i più giovani, in particolare: il 35% ha ammesso di recarsi sempre meno nei negozi tradizionali.
Il gap con i principali paesi europei rimane elevato: un’analisi del Centro Studi Impresa Lavoro, elaborata sulla base dei dati Eurostat, evidenzia che nel 2016 il 29% degli italiani ha effettuato acquisti in rete. Una percentuale più alta solo a quella registrata in Bulgaria e Romania.
L’e-Commerce non offre vantaggi soltanto ai consumatori – secondo un’indagine dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori, i prodotti venduti on-line costano meno rispetto a quelli venduti in un negozio tradizionale –, ma anche ai commercianti. Potenzialmente una piattaforma on-line permette di raggiungere una clientela molto vasta. Non tutti la pensano così, in realtà.
Una recente indagine di Confesercenti Nazionale-SWG rivela che il 55% del campione – l’analisi ha coinvolto 400 imprenditori commerciali – considera l’e-Commerce un’opportunità, anche se una quota comunque consistente lo vede come una minaccia per la distribuzione tradizionale (31%).
I negozi on-line crescono ad un ritmo più veloce rispetto a quelli tradizionali: confrontando il segmento delle vendite on-line con l’intero mondo del commercio, una ricerca elaborata da InfoCamere per Unioncamere rivela che il numero delle imprese, che vendono on-line i propri prodotti o servizi, è aumentato di 8.994 unità tra il 2009 e il 2015 (+151,6% nell’arco di sei anni) mentre, contemporaneamente, il settore del commercio al dettaglio – poco più di 870mila aziende – ha “guadagnato” solo 7.170 imprese (+0,83%).

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia