Perché i consumatori acquistano in rete | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché i consumatori acquistano in rete

L'aspetto economico, la comodità dello shopping e l'assortimento sono tra le ragioni principali
di Redazione

Di recente diverse ricerche hanno certificano la crescita dell’e-Commerce, in Italia. L’ultima indagine del PwC – Total Retail 2017 – offre qualche dato in più. Secondo il PwC, il 20% dei consumatori italiani acquista tramite smartphone almeno una volta la settimana (in crescita rispetto al 14% del 2015), il 19% acquista via tablet (dal 12% del 2015) e il 32% acquista tramite PC (dal 24%).

L’aspetto economico è il motivo principale che convince i consumatori ad acquistare i prodotti on-line: il prezzo è stato indicato con il fattore decisivo dal 49% del campione – quote più alte si registrano solo in Cile e Brasile, osserva la ricerca –, seguito dalla comodità dello shopping (30%) mentre l’assortimento è indicato solo dal 18% degli intervistati. A preferire l’e-Commerce sono i più giovani, in particolare: il 35% ha ammesso di recarsi sempre meno nei negozi tradizionali.
Il gap con i principali paesi europei rimane elevato: un’analisi del Centro Studi Impresa Lavoro, elaborata sulla base dei dati Eurostat, evidenzia che nel 2016 il 29% degli italiani ha effettuato acquisti in rete. Una percentuale più alta solo a quella registrata in Bulgaria e Romania.
L’e-Commerce non offre vantaggi soltanto ai consumatori – secondo un’indagine dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori, i prodotti venduti on-line costano meno rispetto a quelli venduti in un negozio tradizionale –, ma anche ai commercianti. Potenzialmente una piattaforma on-line permette di raggiungere una clientela molto vasta. Non tutti la pensano così, in realtà.
Una recente indagine di Confesercenti Nazionale-SWG rivela che il 55% del campione – l’analisi ha coinvolto 400 imprenditori commerciali – considera l’e-Commerce un’opportunità, anche se una quota comunque consistente lo vede come una minaccia per la distribuzione tradizionale (31%).
I negozi on-line crescono ad un ritmo più veloce rispetto a quelli tradizionali: confrontando il segmento delle vendite on-line con l’intero mondo del commercio, una ricerca elaborata da InfoCamere per Unioncamere rivela che il numero delle imprese, che vendono on-line i propri prodotti o servizi, è aumentato di 8.994 unità tra il 2009 e il 2015 (+151,6% nell’arco di sei anni) mentre, contemporaneamente, il settore del commercio al dettaglio – poco più di 870mila aziende – ha “guadagnato” solo 7.170 imprese (+0,83%).

 

Scrivi una replica

News

Strasburgo, killer: «Vendetta per i fratelli siriani»

«Ho ucciso per vendicare i fratelli morti in Siria». Lo ha reso noto il quotidiano parigino Le Parisien, citando una testimonianza del conducente del taxi…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 51,55 dollari al barile e Brent a 60,44 dollari

All’avvio dei mercati il greggio texano è stato scambiato a 51,55 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 60,44 dollari.…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 266 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 266 punti.…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Moscovici: «Italia e Francia sono in situazioni totalmente diverse»

«Il confronto con l’Italia è allettante ma sbagliato, perché le situazioni sono totalmente diverse». Lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari,…

12 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia