Esportazioni: il contributo delle Pmi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Esportazioni: il contributo delle Pmi

Confartigianato osserva che i circa tre quarti delle esportazioni italiane delle MPI si concentrano nelle economie avanzate
di Redazione

L’ISTAT ne ha certificato la crescita – nel 2016 le esportazioni italiane sono aumentate dell’1,1% su base annua –, sebbene l’incremento è meno consistente rispetto al 2015. Una recente indagine di Confartigianato sottolinea che un contributo importante è stato offerto dai settori a maggior concentrazione di medie e piccole imprese.

Un’analisi di Confartigianato (Made in Italy nei settori di MPI nel 2016. Prodotti, mercati e territori) rivela che l’export dei settori dove la concentrazione di MPI è maggiore – nove comparti, che rappresentano il 7% del Prodotto interno lordo, in cui la quota degli occupati in imprese con meno di 50 addetti è superiore al 60% – sono cresciute su base annua (+1,3%) e ad un ritmo (leggermente) superiore al manifatturiero (+1,2%).
Gli incrementi sono entrambi in rallentamento, ma i settori di MPI segnano per il quinto anno consecutivo una performance migliore rispetto a quella del Manifatturiero.
Confartigianato registra crescite superiori alla media nel comparto alimentare (+3,6%). Un dato che non deve sorprendere: a gennaio, un’indagine della Coldiretti, realizzata sulla base dei dati ISTAT relativi al commercio estero nei primi nove mesi del 2016, ha rilevato che le esportazioni di prodotti agroalimentari italiani hanno raggiunto il massimo storico, arrivando a quota 38 miliardi di euro.
A crescere è stato anche il Legno (+3,6%) e l’Abbigliamento (+2,3%), l’unico comparto con dinamica del 2016 migliore di quella rilevata nel 2015.
Altri settori (altre industrie manifatturiere, pelle e mobili) sono cresciuti a ritmi inferiori alla media.
L’analisi osserva che i circa tre quarti delle esportazioni italiane delle MPI (74,4%) si concentrano nelle economie avanzate (+1,9% rispetto al 2015).
Il discorso prende una piega diversa per i Paesi emergenti e quelli in via di sviluppo – in questo caso l’export è diminuito dello 0,4% –, dove diversi fattori (alti livelli d’indebitamento, tensioni valutarie e instabilità geopolitiche) rappresenteranno dei rischi per le esportazioni italiane nel 2017, secondo il Focus On “Mappa dei Rischi 2017” del SACE.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Macron: “Il passaggio alla fase 2 del negoziato è nelle mani della May”

“Il passaggio alla fase 2 del negoziato sulla Brexit è nella mani di Theresa May. Sul fronte finanziario non siamo neanche a metà del cammino…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Raqqa dichirata ufficialmente libera dalle forze filo-Usa

Le forze filo-Usa hanno dichiarato Raqqa ufficialmente libera. La città era “capitale” dello Stato islamico ed è stato ufficialmente dichiarato libera da ogni presenza di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalogna, accordo Pp-Pse per elezioni a gennaio in caso di commisariamento con art. 155

Se la regione ribelle sarà commissariata con l’art. 155 della costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajpy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno deciso di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Possibili misure su web tax in manovra”

“Nella cena di ieri i leader Ue hanno discusso a lungo di web tax, ma voglio sia chiaro che i tempi Ue, così come quelli…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia