Le performance delle industrie a inizio 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le performance delle industrie a inizio 2017

Giù sia fatturato che produzione a gennaio, ma la produzione torna a crescere nel secondo mese dell'anno. Per il mese di marzo le stime di Markit Economics lasciano intravedere segnali incoraggianti
di Redazione

Dopo il calo del 2,3% registrato a inizio anno, a febbraio l’indice della produzione industriale è tornato a crescere, mettendo a segno un +1% congiunturale. Bene anche gli altri confronti effettuati dall’Istat: su base trimestrale (dicembre 2016 –febbraio 2017 su settembre 2016 – novembre 2016) la produzione è aumentata dello 0,7%, mentre su base annua si registra un +1,9%. Un buon andamento, confermato anche dalle stime diffuse da Markit per il mese di marzo.

Osservando i raggruppamenti principali di industrie – cui fa riferimento l’Istat nel resoconto su febbraio – si può notare come il risultato congiunturale migliore sia stato registrato dai beni strumentali che, crescendo del 2,9%, superano il +2,2% dei beni intermedi. Giù, invece, la produzione di beni di consumo, -0,2% (+2,9% per quelli durevoli e -0,8% per quelli non durevoli), e di energia, -6,2%.
Il risultato tendenziale (+1,9%) è stato invece trainato dalla produzione di beni intermedi (+2,4%) e dall’energia (+7%), mentre beni di consumo (-1,1%) e beni strumentali (-1,5%), hanno fornito un apporto negativo.
Come anticipato, si tratta di un buon andamento, confermato anche dall’indice Pmi di Markit economics di marzo. Secondo la società londinese, l’indice che misura l’attività manifatturiera italiana è cresciuto nuovamente marzo, arrivando a toccare i 55,7 punti, mettendo a segno il miglior risultato degli ultimi sei anni.
Sono 27 mesi consecutivi che Markit rileva un aumento del livello di produzione delle imprese manifatturiere italiane. Di conseguenza si registra anche un aumento considerevole dei nuovi ordini, la più elevata dal novembre 2015, con un impatto positivo anche sui livelli occupazionali.
Per quanto riguarda invece il fatturato delle industrie italiane, in attesa dei dati aggiornati a febbraio, è possibile osservare quelli relativi al primo mese dell’anno. A gennaio, rispetto al mese precedente, l’Istat ha registrato un calo del fatturato del 3,5% (-2,3% quello interno e -5,4% quello estero). Incoraggiante, invece, il confronto con lo stesso mese dello scorso anno, rispetto al quale il fatturato delle industrie è lievitato dell’8,2%.

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia