Valore aggiunto: il ruolo delle società non finanziarie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Valore aggiunto: il ruolo delle società non finanziarie

Le imprese del settore manifatturiero hanno contribuito alla crescita complessiva del valore aggiunto per 1,2 punti percentuali, mentre quelle dei servizi per 1,5 punti percentuali. +0,2% per le costruzioni e variazione nulla per il settore agricolo
di Redazione

Nel corso del 2016, spiega l’Istat nell’ultimo resoconto sui Conti economici nazionali per settore istituzionale, il valore aggiunto a prezzi correnti generato nel complesso dell’economia nazionale è aumentato dell’1,5% rispetto al 2015.

Come nelle precedenti rilevazioni, un ruolo fondamentale è stato giocato dalle società non finanziarie, il cui contributo alla crescita del valore aggiunto è nettamente superiore non solo a quello delle famiglie (produttrici o consumatrici), ma anche a quello delle amministrazioni pubbliche e delle società finanziarie.
In particolare – emerge dalle tabelle dell’Istituto nazionale di statistica – il contributo delle società non finanziarie alla crescita del valore aggiunto totale nazionale è stato pari all’1,4% rispetto al 2015 (quando si registrò una crescita dell’1,5%, contro il lieve +0,5% del 2014) contro lo 0,5% registrato complessivamente da famiglie e amministrazioni pubbliche e il contributo negativo (-0,3%) delle società finanziarie.
Osservando nel dettaglio le società non finanziarie, si può osservare come il valore aggiunto del settore sia aumentato del 2,9% rispetto al 2015 (quando l’Istat registrò un +3% a fronte del +1,1% dell’anno precedente). Un aumento a cui hanno contribuito positivamente sia il comparto industriale che quello dei servizi e, in misura minore, quello delle costruzioni.
Più precisamente, si parla di un aumento dell’1,3% (di cui un +1,2% ha interessato, nel dettaglio, le attività manifatturiere), di un +1,5% per i servizi e un +0,2% per le costruzioni. Variazione nulla invece per agricoltura, silvicoltura e pesca. Tra i servizi, i contributi maggiori al valore aggiunto delle società non finanziarie sono giunti dal trasporto e magazzinaggio (+0,6%) e dalle attività professionali, scientifiche, tecniche, amministrative e dai servizi di supporto (+0,4%).

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord: “Pensiamo ad un test della bomba H nel Pacifico”

“La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all’idrogeno nel Pacifico, tra le azioni di più alto livello contro gli Usa”.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 164 punti

All’apertura dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 164 punti.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Legge elettorale, ‘Rosatellum bis’ depositato alla Camera e al Senato

Il relatore alla legge elettorale, Emanuele Fiano del Partito democratico, ha depositato in commissione Affari costituzionali della Camera il nuovo testo base, il cosiddetto Rosatellum…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Draghi: “In Europa il livello delle sofferenze rimane alto”

“Nonostante i recenti progressi il livello dei non performing loans nei bilanci delle banche europee resta alto”. Lo ha detto il presidente della Banca centrale…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia