Consumi: i livelli pre-crisi sono lontani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi: i livelli pre-crisi sono lontani

Secondo l'ISTAT, nel 2016 il volume dei consumi erano ancora inferiore rispetto ai livelli del 2007
di Redazione

In uno dei suoi ultimi rapporti – Conti nazionali per settore istituzionale per gli anni 2014–2016 –, l’ISTAT ha analizzato l’andamento dei consumi delle famiglie italiani durante la crisi economica. Il quadro che ne emerge è tutt’altro che positivo: nel 2016 il volume dei consumi era ampiamente inferiore rispetto al 2007 (-4,7%).

Il rapporto osserva che la crisi economica è stata caratterizzata da diverse fasi. Dopo la contrazione registrata nel 2009 – l’ISTAT parla di “calo significativo” –, i consumi finali delle famiglie sono tornati a crescere, fino a risultare “di poco inferiore” ai livelli pre-crisi nel 2011 (-1,5% rispetto al 2007).
L’impatto della seconda fase recessiva è stato più consistente – nel 2013 il volume era del 7,7% al di sotto del livello di inizio periodo – e soltanto parzialmente compensato dal lento recupero rilevato tra il 2014 e il 2016.
Da una parte si è registrato un incremento dell’auto-consumo – l’elenco include i fitti imputati, i servizi domestici, le auto-produzioni agricole e le manutenzioni ordinarie –, la cui incidenza è aumentata di 2,4 punti percentuali. Dall’altra, si è ridotta la spesa effettiva delle famiglie per l’acquisto di beni e servizi sul mercato, consumi netti, la cui quota è scesa di 3,4 punti percentuali.
Nel 2016, le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi (+1,3%) in misura inferiore rispetto alla crescita del reddito disponibile (+1,6%). Di conseguenza, la propensione al risparmio – ovvero il rapporto tra il risparmio lordo delle famiglie e il loro reddito disponibile – è salita fino a toccare l’8,6% (+0,2 punti percentuali).
Una recente ricerca del Centro studi di Unimpresa sull’andamento delle riserve delle famiglie e delle imprese italiane (l’indagine è stata condotta incrociando i dati della Banca d’Italia relativi alla raccolta delle banche) certificava l’aumento dei risparmi dei nuclei familiari, cresciuti da 906,8 miliardi a 947,4 miliardi, ovvero 40,6 miliardi di euro in più (+4,48% su base annua).
Il 2017 non dovrebbe essere un anno (particolarmente) positivo per i consumi: il Rapporto COOP prevede un ritmo di crescita inferiore rispetto all’ultimo biennio, dall’1% registrato nel 2014 e nel 2015 al +0,7% di quest’anno, dovuto soprattutto alla ripresa dell’inflazione e al rallentamento dei redditi. Anche l’Outlook Italia di Confcommercio e del CENSIS prevede un incremento dei consumi meno consistente rispetto al 2016 (+0,6%).

 

Scrivi una replica

News

Jobs act, illegittima la norma sull’indennità al lavoratore ingiustificatamente licenziato

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti del Jobs Act nella parte in cui…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Di Maio: «Moscovici non venga a farci la morale»

Il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, che ha invitato l’Italia a mantenere il deficit sotto il 2%, «quando era ministro…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Sarà una manovra di crescita ma il debito deve scendere»

«Sarà una manovra di crescita, non di austerity, ma che non crea dubbi sulla sostenibilità del nostro debito, bisogna continuare nel percorso di riduzione del…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regina Paola di Belgio colpita da ictus

La regina Paola di Belgio è stata colpita da un ictus nel corso della notte di mercoledì 26 settembre, mentre si trovava a Venezia.…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia