Consumi: i livelli pre-crisi sono lontani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi: i livelli pre-crisi sono lontani

Secondo l'ISTAT, nel 2016 il volume dei consumi erano ancora inferiore rispetto ai livelli del 2007
di Redazione

In uno dei suoi ultimi rapporti – Conti nazionali per settore istituzionale per gli anni 2014–2016 –, l’ISTAT ha analizzato l’andamento dei consumi delle famiglie italiani durante la crisi economica. Il quadro che ne emerge è tutt’altro che positivo: nel 2016 il volume dei consumi era ampiamente inferiore rispetto al 2007 (-4,7%).

Il rapporto osserva che la crisi economica è stata caratterizzata da diverse fasi. Dopo la contrazione registrata nel 2009 – l’ISTAT parla di “calo significativo” –, i consumi finali delle famiglie sono tornati a crescere, fino a risultare “di poco inferiore” ai livelli pre-crisi nel 2011 (-1,5% rispetto al 2007).
L’impatto della seconda fase recessiva è stato più consistente – nel 2013 il volume era del 7,7% al di sotto del livello di inizio periodo – e soltanto parzialmente compensato dal lento recupero rilevato tra il 2014 e il 2016.
Da una parte si è registrato un incremento dell’auto-consumo – l’elenco include i fitti imputati, i servizi domestici, le auto-produzioni agricole e le manutenzioni ordinarie –, la cui incidenza è aumentata di 2,4 punti percentuali. Dall’altra, si è ridotta la spesa effettiva delle famiglie per l’acquisto di beni e servizi sul mercato, consumi netti, la cui quota è scesa di 3,4 punti percentuali.
Nel 2016, le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi (+1,3%) in misura inferiore rispetto alla crescita del reddito disponibile (+1,6%). Di conseguenza, la propensione al risparmio – ovvero il rapporto tra il risparmio lordo delle famiglie e il loro reddito disponibile – è salita fino a toccare l’8,6% (+0,2 punti percentuali).
Una recente ricerca del Centro studi di Unimpresa sull’andamento delle riserve delle famiglie e delle imprese italiane (l’indagine è stata condotta incrociando i dati della Banca d’Italia relativi alla raccolta delle banche) certificava l’aumento dei risparmi dei nuclei familiari, cresciuti da 906,8 miliardi a 947,4 miliardi, ovvero 40,6 miliardi di euro in più (+4,48% su base annua).
Il 2017 non dovrebbe essere un anno (particolarmente) positivo per i consumi: il Rapporto COOP prevede un ritmo di crescita inferiore rispetto all’ultimo biennio, dall’1% registrato nel 2014 e nel 2015 al +0,7% di quest’anno, dovuto soprattutto alla ripresa dell’inflazione e al rallentamento dei redditi. Anche l’Outlook Italia di Confcommercio e del CENSIS prevede un incremento dei consumi meno consistente rispetto al 2016 (+0,6%).

 

Scrivi una replica

News

Strasburgo, killer: «Vendetta per i fratelli siriani»

«Ho ucciso per vendicare i fratelli morti in Siria». Lo ha reso noto il quotidiano parigino Le Parisien, citando una testimonianza del conducente del taxi…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 51,55 dollari al barile e Brent a 60,44 dollari

All’avvio dei mercati il greggio texano è stato scambiato a 51,55 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 60,44 dollari.…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 266 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 266 punti.…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Moscovici: «Italia e Francia sono in situazioni totalmente diverse»

«Il confronto con l’Italia è allettante ma sbagliato, perché le situazioni sono totalmente diverse». Lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari,…

12 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia