Ripresa economica ancora a rilento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ripresa economica ancora a rilento

I principali indicatori economici del Paese riportano risultati incoraggianti, ma ancora piuttosto esigui se confrontati con quelli dei principali partner europei e con i valori medi registrati nell'Eurozona
di Redazione

Sono molti i fattori per cui l’economia italiana sembra ancora andare al rallentatore, almeno rispetto ad alcuni tra i principali partner europei e ai valori medi dell’Eurozona. Di segnali positivi ce ne sono, ma i nostri indicatori stentano a decollare, evidenziando un andamento piuttosto altalenante e mettendo in mostra una doppia velocità. Ecco allora un confronto tra i nostri risultati e quelli raggiunti a livello europeo.

Prendiamo ad esempio il mercato del lavoro. Nell’Eurozona il tasso di disoccupazione è al 9,5%. Si tratta di un dato che, in calo sia rispetto al 9,6% di gennaio che al 10,3% del febbraio 2016, si attesta al livello più basso dal maggio del 2009. Anche nel nostro Paese si è registrata una diminuzione a febbraio (-0,3% rispetto a gennaio), ma il tasso di disoccupazione si mantiene ancora ben al di sopra del 10%, attestandosi all’11,5% (vicino ai livelli del 2012 ma ben lontani dal 7,3% del maggio 2009).
Confronto ancor più a nostro sfavore se si guarda al tasso di disoccupazione giovanile. È vero che gli ultimi dati diffusi dall’Istat indicano un -1,7% per l’Italia a fronte di un più lieve -0,4% per l’Eurozona, ma è anche vero che nell’area della moneta unica il tasso di disoccupazione giovanile è quasi la metà di quello del nostro Paese: il 19,4% contro il 35,2%.
Le migliori condizioni lavorative (insieme all’accelerazione dei prezzi nell’area) offrono un contributo positivo anche alla situazione economica delle famiglie, osservabile per esempio dall’andamento dei consumi.
Secondo l’Eurozone economic outlook i consumi dell’Eurozona nel primo trimestre del 2017 potrebbero aver registrato un +0,4% congiunturale ed un +1,5% su base tendenziale (andamento simile viene stimato anche per T2 e T3). Nello stesso arco di tempo l’Indicatore dei consumi della Confcommercio si è mantenuto molto vicino allo zero nel confronto congiunturale (+0,2% a gennaio,-0,1% a febbraio e +0,1% a marzo) e ampiamente sotto l’1% nel confronto tendenziale (+0,7% a gennaio, variazione nulla a febbraio e +0,6% a marzo). Dato che trova conferma anche nell’indice delle vendite al dettaglio: a febbraio l’Istat ha registrato un -0,7% in volume rispetto a gennaio ed un -1% rispetto al febbraio del 2016. Nello stesso mese l’Eurostat ha diffuso un +0,7% congiunturale ed un +1,8% tendenziale.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia