La spesa pubblica destinata alle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa pubblica destinata alle famiglie

Una percentuale bassa, ma non troppo lontana da quella destinata alla stessa tipologia di servizi, dal resto d'Europa
di Redazione

A quanto ammonta, in Italia, la spesa pubblica destinata alla protezione sociale di famiglie e bambini? Il Centro Studi Impresa Lavoro, basandosi su recenti dati dell’Eurostat, ha provato a quantificare quanto spende il nostro Paese per il sostegno alla natalità e alla famiglia.

Secondo le elaborazioni, nel 2015 (ultimi dati disponibili) l’Italia ha destinato a servizi come la protezione sociale a favore di famiglie con figli a carico; indennità o sovvenzioni per maternità, nascita di figli o congedi per motivi di famiglia; assegni familiari; sovvenzioni per famiglie con un solo genitore o figli disabili; sistemazione e vitto fornito a bambini e famiglie su base permanente (orfanotrofi, famiglie adottive, ecc.); beni e servizi forniti a domicilio a bambini o a coloro che se ne prendono cura; servizi e beni di vario genere forniti a famiglie, giovani o bambini (centri ricreativi e di villeggiatura), il nostro Paese ha speso l’1,5% del Pil.
Nonostante non si tratti di una delle percentuali più basse – peggio di noi fanno ben 13 Paesi dell’Unione europea – il dato relativo all’Italia è comunque inferiore a quello dell’Unione europea e dell’Eurozona, per le quali la media si attesta all’1,7%.
Tra i Paesi più virtuosi in questo senso troviamo la Danimarca, con il 4,6% del Pil; il Lussemburgo, con il 4,1%; la Norvegia, con il 3,5%, la Finlandia, con il 3,2%; e la Francia, con il 2,5%. La Germania si posiziona appena sopra il nostro Paese, con l’1,6% del Pil.
Il Centro studi ha poi quantificato quanto spende pro capite, e in termini assoluti, lo Stato italiano per questa tipologia di servizi. Secondo le elaborazioni la spesa italiana destinata alle famiglie e ai bambini è pari a 413,99 euro a cittadino, una cifra che pone il nostro Paese al 15esimo posto della classifica. Nonostante ciò il valore registrato in Italia è più vicino a quello dell’ultimo paese in classifica – vale a dire la Lettonia, con 80,81 euro pro-capite – che alla spesa pro capite del Paese europeo più virtuoso, ovvero il Lussemburgo, con ben 3.726,39 euro.
Anche in questo caso il nostro Paese risulta però poco distante sia dalla media Ue, pari a 501,67 euro pro capite, che a quella dell’Eurozona, pari a 530,93 euro. Meglio di noi fanno comunque tutti i nostri principali partner (Spagna a parte, con 138,45 euro): in Germania la spesa pubblica pro capite per famiglie e bambini è pari a 595,12 euro, in Francia è di 813,17 euro, mentre nel Regno Unito è di 590,18.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: “L’Italia regge il rialzo dei tassi”

“Un eventuale aumento dei rendimenti di mercato, se in linea con il miglioramento della congiuntura, è ampiamente sostenibile dall’economia italiana. La capacità delle famiglie e…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Npl, Nouy: “Bisogna risolvere il problema. Le banche facciano di più”

“Bisogna risolvere il problema degli Npl, in alcune parti del settore bancario vediamo ancora elevati stock di sofferenze. Diverse banche devono fare molto di più”…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Egitto, attentato in una moschea: 115 morti

Strage in una moschea nel nord del Sinai, dove un attacco, condotto piazzando una bomba all’interno del luogo di culto, ha provocato la morte di…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa ha prestato giuramento: è il nuovo presidente

Emmerson Mnangagwa è il nuovo presidente dello Zimbabwe. Nato il 15 settembre 1942, ha prestato giuramento oggi, 24 novembre 2017. Prende il posto di Robert…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia