Accelera la crescita della Germania a inizio 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Accelera la crescita della Germania a inizio 2017

La Bundesbank nell'ultimo bollettino economico prevede una crescita del Pil tedesco dello 0,7% nel primo trimestre, trainato da consumi e industria, ma giù l'indice PMI ad aprile
di Redazione

Stando ai dati contenuti nell’ultimo bollettino economico della Bundesbank – la Banca centrale tedesca – nel primo trimestre del 2017 il Pil della Germania ha registrato un’accelerazione della crescita rispetto ai tre mesi precedenti. A trainare la locomotiva d’Europa sono soprattutto i consumi, legati ad un nuovo miglioramento del mercato del lavoro.

In particolare, nella nota della Banca centrale si legge che tra gennaio e marzo l’economia tedesca potrebbe aver registrato una crescita dello 0,7% (i dati definitivi verranno diffusi a maggio), accelerando rispetto al già positivo +0,4% registrato tra ottobre e dicembre del 2016.
Sostanzialmente, spiega la Bundesbank, “sia le rilevazioni a livello di fiducia che i dati giunti dall’economia reale, offrono un quadro positivo”. La fiducia delle imprese, ad esempio, misurata attraverso l’indice IFO, è cresciuta ad aprile rispetto al mese precedente, attestandosi a 112,9 punti contro i 112,5 punti delle attese e i 112,4 di marzo. L’aumento è legato in particolar modo all’indice relativo alle condizioni attuali dell’economia tedesca, passato da 119,4 punti a 121,1%. Leggermente al di sotto delle attese, invece, l’indice IFO relativo alle aspettative: 105,2 punti contro i 106 del consensus.
Bene anche la fiducia degli investitori, che ad aprile è salita a 19,5 punti dai 12,8 di marzo e contro i 14 punti delle attese, segnando un record dall’agosto del 2015. Lievemente in calo, invece, la fiducia dei consumatori, che scende a 9,8 punti dai 10 del mese precedente.
Il mercato del lavoro, come anticipato, si presenta in salute. Gli ultimi dati dell’Istituto di statistica tedesco, Destatis, parlano infatti di un calo del numero dei disoccupati, da 1,7 milioni di unità a 1,6 milioni, con un aumento degli occupati da 43,6 milioni a 43,9, e una conseguente crescita della popolazione economicamente attiva, da 45,3 a 45,6 milioni di unità. Il tasso di disoccupazione, secondo l’Istituto, è pari al 4,3%.
Dati incoraggianti giungono anche dall’industria. A febbraio (ultimi dati disponibili), la produzione industriale tedesca è aumentata del 2,2% congiunturale, con un risultato particolarmente positivo sia per le costruzioni (+13,6%) che per il settore manifatturiero (+3,8%).
Deboli, ma che indicano pur sempre una fase di espansione, invece le prospettive diffuse da Markit economics attraverso l’indice anticipatore dell’attività economica (PMI). Ad aprile l’indice composito è infatti risultato in calo a 56,3 punti dai 57,1 del mese precedente. Un risultato che sintetizza il rallentamento dell’indice Pmi manifatturiero, da 58,3 a 58,2, e quello dei servizi, da 55,6 a 54,7.

 

Scrivi una replica

News

Pedofilia, Papa Francesco: “Nessuna grazia per chi abusa dei minori”

“Chi viene condannato per abusi sessuali sui minori può rivolgersi al Papa per avere la grazia” ma “io mai ho firmato una di queste e…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Standard & Poor’s ha tagliato il rating della Cina

L’agenzia internazionale Standard & Poor’s ha tagliato il rating della Cina, abbassandolo da AA- ad A+. S&P’s ne spiega anche il motivo: il taglio è…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord: “Le minacce di Trump sono come il suono di un cane che abbaia”

Il “suono di un cane che abbaia”. Lo ha detto il ministro degli Esteri nordcoreano, Ri Yong Ho, commentando, secondo quanto riporta la CNN, le…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: “In autunno si deciderà sul Qe”

La Banca centrale europea nel suo bollettino ha sottolineato che “nell’ultima riunione la Bce ha mantenuto invariato l’orientamento di politica monetaria e deciderà in autunno…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia