Il rischio fallimento è alto per il 64% degli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il rischio fallimento è alto per il 64% degli italiani

Per quanto in costante calo, il numero dei fallimenti rimane al di sopra dei livelli precedenti la crisi economica
di Redazione

Nel primo trimestre del 2017 le imprese italiane fallite sono state 2.998, pari al 16,8% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (dati Cribis). Eppure aprire un’impresa è ancora rischioso, secondo molti italiani.

Si tratta di un dato positivo e in linea con quanto registrato recentemente: il CERVED certifica che nel 2016, per il secondo anno consecutivo, è diminuito il numero dei fallimenti. Nel 2016 sono fallite complessivamente 13,5 mila imprese (-8,5% su base annua), in calo rispetto al 2015 quando hanno cessato la propria attività in 14,7 mila (-6,1% rispetto al 2014).
Cribis osserva che la distribuzione territoriale non è omogenea: il numero dei fallimenti è strettamente legato alla densità di imprese attive nelle diverse aree del Paese e così Lombardia e Lazio sono (rispettivamente) la prima e la seconda regione per imprese fallite.
Se confrontiamo i dati più recenti con quelli relativi al periodo precedente la crisi economica, le notizie sono meno positive: nonostante qualche miglioramento, il numero dei fallimenti è (ancora) superiore ai livelli del 2008.
Aprire un’impresa è rischioso, secondo molti italiani. L’Entrepreneurship Outlook 2017 del Randstad Workmonitor – l’indagine viene condotta ogni tre mesi sul mondo del lavoro, coinvolgendo 33 paesi su un campione di 400 lavoratori dipendenti per ogni nazione di età tra 18 e 67 anni – rivela che il 64% dei lavoratori dipendenti vorrebbe avviare una propria attività, ma rinuncia perché considera troppo elevato il rischio di fallire. Un dato superiore alla media globale, pari al 57%. In Europa, solo in Grecia e Spagna si rilevano percentuali più elevate.
Quali sono i fattori che influenzano l’opinione degli italiani? Due su tre sostengono che il sistema Paese rappresenti più un ostacolo che un incentivo alla nuova impresa. Nel dettaglio, il 34% del campione crede che l’Italia sia un luogo adatto per avviare una start-up – la media globale è del 56% – e il 32% sostiene che lo Stato sostenga attivamente le start-up (contro il 50% rilevato a livello mondiale).

 

Scrivi una replica

News

Draghi: “Sosterremo riorganizzazione banche dopo la Brexit”

“Siamo pronti a sostenere le banche a riorganizzare le loro attività nella zona euro in seguito alla Brexit, ma è necessario che le banche si…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Prospettive migliorano ma serve più crescita”

“Le prospettive economiche della zona euro stanno migliorando e i rischi al ribasso sono moderati, ma questi segni positivi non devono distrarre dalla necessità di…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Ripresa più forte ma target inflazione lontano”

“Rimaniamo fermamente convinti che una quantità straordinaria di supporto alla politica monetaria è ancora necessaria per riassorbire l’attuale livello di risorse non utilizzate e perché…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: “L’Ue deve crescere”

“L’Unione europea deve crescere, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità nel campo della difesa ma anche dei rapporti con l’Africa”. Lo ha affermato all’ANSA il presidente…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia