La disoccupazione nelle regioni dell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

La disoccupazione nelle regioni dell’Ue

In trentadue regioni, cinque delle quali italiane, il tasso di disoccupazione è almeno il doppio rispetto alla media europea
di Redazione

Quello registrato a febbraio 2017 – il tasso di disoccupazione si è attestato all’8% nell’Unione europea – è stato il dato più basso dal gennaio 2009. Le ultime statistiche dell’Eurostat rivelano invece in quali regioni dell’UE si sono registrati i livelli più alti e più bassi nel 2016.

Tra le 275 regioni europee di cui sono disponibili i dati, sessanta hanno un tasso di disoccupazione – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro – pari o inferiore al 4,3%, al di sotto dunque della media europea che si attesta all’8,6%.
Nel 2016 il tasso di disoccupazione più basso in assoluto è stato registrato a Niederbayern (2,1%), in Germania, e a Praha (2,2%), in Repubblica Ceca.
Di queste sessanta regioni, con tasso al di sotto o pari alla media europea, una buona parte sono tedesche (24) e britanniche (18).
Il resto si trova in Repubblica Ceca (6), Ungheria e Austria (entrambe con tre regioni), in Belgio (3), in Romania (3), nei Paesi Bassi e in Italia (rispettivamente) con una sola regione.
Nel nostro Paese, solo la Provincia autonoma di Bolzano rientra nell’elenco delle regioni con un tasso di disoccupazione inferiore o pari alla media UE (3,7%).
Se si analizzano i dati relativi alle regioni dove la disoccupazione è più elevata, le cose prendono una piega diversa. Purtroppo. Le regioni, dove il tasso di disoccupazione è almeno al 17,2% e quindi oltre il doppio rispetto alla media europea, non sono moltissime – l’elenco stilato dall’Eurostat ne include trentadue –, ma riguarda una manciata di Paesi. Delle oltre trenta regioni in questione; 13 sono in Grecia, 10 in Spagna, cinque in Italia e cinque territori d’oltremare francesi. Nel dettaglio, le regioni italiane sono la Calabria (23,2%), la Sicilia (22,1%), la Campania (20,4%), la Puglia (19,4%) e la Sardegna (17,3%).
In alcune di queste regioni, le difficoltà occupazionali riguardano anche i più giovani. Nell’Unione europea, la Calabria è la terza regione con il tasso di disoccupazione giovanile – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro nella fascia d’età tra i 15 e i 24 anni – più alto (58,7%). Peggio della Calabria fanno soltanto Ceuta (69,1%) e Melilla (63,3%), le due ‘enclave’ spagnole in Africa. Dopo l’Andalusia – regione spagnola, quarta in classifica con 57,9% – troviamo la Sicilia e la Sardegna, rispettivamente quinta e sesta con il tasso di disoccupazione giovanile al 57,2% e al 56,3%.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, domani Dombrovskis e Moscovici faranno il punto della situazione sulla trattativa con l’Italia

Il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, e il commissario europeo agli Affari economici e Monetari, Pierre Moscovici, faranno domani, durante la riunione della Commissione,…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Reddito di cittadinanza e quota 100 non si toccano»

Il reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni «non si toccano». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ai commissari europei Dombrovskis…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Strasburgo, atterrata in Italia la salma di Antonio Megalizzi

La salma di Antonio Megalizzi – il giovane italiano, rimasto ucciso nell’attentato di Strasburgo, l’11 dicembre 2018 – è arrivata in Italia, trasportata con un…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, il Banco del Portugal abbassa le stime di crescita per il 2018 e il 2019

Nel 2018 e nel 2019, il Prodotto interno lordo del Portogallo crescerà meno del previsto, «essenzialmente» a causa di una crescita meno sostenuta delle esportazioni.…

18 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia