In un anno più giovani occupati | T-Mag | il magazine di Tecnè

In un anno più giovani occupati

Nella fascia di età 15-24 anni il tasso di occupazione sale al 17,2% nel mese di marzo, +0,8% rispetto allo scorso anno
di Redazione

Sono il lavoro e la condizione economica generale a influenzare le scelte dei più giovani e a rallentarne l’uscita dalla casa dei genitori, secondo l’ultimo Rapporto Giovani 2017 dell’Istituto Toniolo (che ha intervistato 18-32enni). La crisi, tra le altre cose, ha rappresentato un freno all’avvio della vita lavorativa di tanti ragazzi e ragazze, costretti a bassi salari o alle prese con le difficoltà occupazionali degli ultimi anni.

Gli ultimi dati sul lavoro dell’Istat, però, restituiscono un’immagine più ottimistica rispetto al trend negativo registrato di recente. A marzo 2017 la disoccupazione giovanile – che contempla i giovani tra i 15 e i 24 anni – si è attestata al 34,1%, in calo dello 0,4% rispetto al mese di febbraio. Di contro l’occupazione è cresciuta dello 0,4% (+0,8% in un anno), attestandosi al 17,2%.
Nello specifico la stima degli occupati in questa fascia di età è cresciuta di 42 mila unità dal marzo del 2016 al marzo di quest’anno, la quota dei disoccupati è scesa di 48 mila unità, ma soprattutto è in calo il numero degli inattivi (-19 mila).
Gli inattivi sono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che l’Istat non classifica come occupate o in cerca di occupazione, pertanto rappresentano le componenti più distanti dal mercato del lavoro. Il numero degli inattivi, a proposito di giovani, non è diminuito solo nella classe di età 15-24 anni, ma anche tra i 25-34 anni, tra le più svantaggiate nell’ultimo periodo (-102 mila unità su base annua).
Qualche timido miglioramento cominciamo a osservarlo, ma nel confronto europeo il nostro tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) resta tra i più alti. Nell’UE28 la disoccupazione giovanile è scesa dal 19,1% del marzo 2016 al 17,2% di quest’anno e nell’Eurozona dal 21,3 al 19,4% (Eurostat), ma il dato del nostro paese (34,1%) è comunque elevato seppure distanziato dai valori registrati in Grecia (48% a gennaio) e Spagna (40,5%).

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia