Mercato del lavoro: ancora marcato il divario di genere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato del lavoro: ancora marcato il divario di genere

La componente femminile resta la più svantaggiata, le distanze riguardano soprattutto i livelli occupazionali e la mancata partecipazione
di Redazione

Dagli ultimi dati Istat su occupati e disoccupati emergono una volta di più – sebbene i numeri a marzo non risultino così negativi – le differenze di genere che caratterizzano il nostro mercato del lavoro, ai margini delle classifiche europee per quanto riguarda soprattutto la componente femminile.

L’aumento della disoccupazione nell’ultimo mese – spiega l’Istat – è determinato dalla componente maschile (+2,7%) a fronte di un lieve calo per quella femminile (-0,1%). Ma in questo modo il tasso di disoccupazione sale al 10,9% tra gli uomini (+0,3%) mentre rimane stabile, e superiorie, tra le donne, al 12,7%.
Il tasso di occupazione femminile si attesta in Italia al 48,5% (quello maschile è al 66,8%, una differenza di circa 18 punti), con una variazione positiva rispetto allo stesso periodo dello scorso anno dello 0,6%. Il dato è in linea con quello del quarto trimestre 2016 (48,3%, +0,8% sul 2015). Al Nord, nel periodo considerato, la quota delle occupate è al 58,6% (73,6% gli uomini), al Centro al 54,6% (contro il 70,3% della componente maschile), mentre al Sud l’occupazione femminile crolla 31,7% (in questo caso al 55,2% per gli uomini).
Nel confronto europeo – dati relativi al 2015 – l’Italia è sopra solo alla Grecia per il tasso di occupazione femminile 20-64 anni, al 50,6%. Un valore distante dai risultati di Svezia (78,3%), Germania (73,6% )e Danimarca (72,6%), ma molto al di sotto anche della media europea che invece colloca il tasso di occupazione femminile al 64,2%.
Pure la mancata partecipazione riguarda le donne più degli uomini. Il calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni nell’ultimo mese rilevato dall’Istat, cioè marzo, riguarda esclusivamente gli uomini (-0,9%) a fronte di un lieve aumento tra le donne (+0,1%). Il tasso di inattività maschile è calato al 24,8% (-0,2%), quello femminile è cresciuto al 44,4% (+0,1 punti). Era al 44,1 nell’ultimo periodo del 2016, con picchi nel Mezzogiorno (58,6%).

 

Scrivi una replica

News

Pedofilia, Papa Francesco: “Nessuna grazia per chi abusa dei minori”

“Chi viene condannato per abusi sessuali sui minori può rivolgersi al Papa per avere la grazia” ma “io mai ho firmato una di queste e…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Standard & Poor’s ha tagliato il rating della Cina

L’agenzia internazionale Standard & Poor’s ha tagliato il rating della Cina, abbassandolo da AA- ad A+. S&P’s ne spiega anche il motivo: il taglio è…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord: “Le minacce di Trump sono come il suono di un cane che abbaia”

Il “suono di un cane che abbaia”. Lo ha detto il ministro degli Esteri nordcoreano, Ri Yong Ho, commentando, secondo quanto riporta la CNN, le…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: “In autunno si deciderà sul Qe”

La Banca centrale europea nel suo bollettino ha sottolineato che “nell’ultima riunione la Bce ha mantenuto invariato l’orientamento di politica monetaria e deciderà in autunno…

21 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia