Agroalimentare: export in crescita del 3,5% nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Agroalimentare: export in crescita del 3,5% nel 2016

Secondo un recente studio della Camera di Commercio di Milano il Made in Italy agroalimentare all'estero vale oltre 38 miliardi di euro
di Redazione

In occasione del Milano Food City – evento all’insegna dell’alimentazione sana e di qualità che si terrà nel capoluogo lombardo dal 4 all’11 maggio – la Camera di Commercio di Milano ha realizzato un’indagine sull’andamento dell’agroalimentare italiano, soffermandosi sui risultati ottenuti dal Made in Italy nel mondo.

Secondo lo studio le esportazioni di prodotti agroalimentari italiani nel mondo valgono 38 miliardi di euro, un valore in crescita del 3,5% tra il 2015 ed il 2016. Al primo posto tra i mercati di destinazione troviamo la Germania con una quota pari al 17,6% del valore totale dell’export agroalimentare italiano, seguita da Francia, con il 10,9%, e Stati Uniti, con il 10,1%. Già dal quarto posto, dove si trova il Regno Unito (8,5%), si scende a quote inferiori al 10%, mentre si scende addirittura al 3,9% del quinto posto della Svizzera.
Nell’anno considerato il Paese, tra quelli che compaiono nella top-20, verso cui le esportazioni agroalimentari italiane sono cresciute di più è la Romania (18esimo mercato di destinazione), con un aumento del 16,1%, seguita da Repubblica Ceca (17esimo) verso cui si registra invece un +13%. Unici cali hanno invece interessato due Paesi dell’estremo oriente: Cina e Giappone che pur figurando nella top-20 (al 20esimo e al decimo posto), registrano contrazioni rispettivamente del 10,5% e dell’1,9%.
Guardando da più vicino, la CIA (Confederazione italiana agricoltori) – basandosi su dati Istat – spiega che le esportazioni legate ad agricoltura, silvicoltura e pesca sono aumentate nel 2016 del 3%, mentre quelle legate esclusivamente al settore alimentare hanno registrato un +4%, rappresentando, per dirla con le parole della Confederazione “la terza ‘potenza’ manifatturiera del Made in Italy, preceduta soltanto dai prodotti farmaceutici, le cui vendite estere sono aumentate del 6,8%, e dai mezzi di trasporto (+5,4%)”.
Ma se l’agroalimentare va bene all’estero, altrettanto non si può dire per il mercato nazionale. Mentre nel 2015 – spiegano Unioncamere e Ismea nell’indagine AgrOsserva – si è registrata una timida ripresa dei consumi domestici, nel 2016 la spesa delle famiglie per i beni alimentari è diminuita dello 0,5%.

 

Scrivi una replica

News

Alimentare, cresce il “Made in Italy”

Secondo l’analisi del Centro Studi CoMar, «le società italiane del settore alimentare-bevande sono, sempre più, un punto di forza dell’economia Italiana: sono 227 le aziende…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Stipendio medio cala a 13,9 euro all’ora»

«La retribuzione oraria media delle posizioni lavorative riferite ai dipendenti del settore privato (misurata dal registro statistico RACLI) è stata di 13,80 euro nel 2014,…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Reddito e pensioni restano»

«Reddito di cittadinanza e pensioni restano ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate. La manovra non verrà rivoluzionata. La manovra non verà…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Ue: «Contrari alla riapertura dei negoziati»

«Ci sono stati lunghi negoziati per questa intesa sulla Brexit, sulle possibili relazioni future, e sulla questione dei confini irlandesi. Quella sul tavolo è la…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia