Dalle PMI del Centro-Nord segnali di ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dalle PMI del Centro-Nord segnali di ripresa

Nel 2015 le pmi centro-settentrionali hanno visto crescere il fatturato, il valore aggiunto e il margine operativo lordo
di Redazione

Una porzione consistente delle imprese italiane – il Centro-Nord ne conta circa 111mila, pari all’82% del totale nazionale – mostra importanti segnali di ripresa. Il Rapporto PMI Centro-Nord 2017 curato da Confindustria e dal Cerved lo certifica, sottolineandone anche la rilevanza per l’economia nazionale: le PMI centro-settentrionali producono 168 miliardi di euro di valore aggiunto (pari a oltre il 10% del Prodotto interno lordo italiano) e impiegano poco più di 3 milioni di addetti e un fatturato pari a 727,5 miliardi di euro.

Il saldo tra le imprese nate e quelle che hanno cessato la propria attività è il primo segnale positivo, a cui se ne aggiungo altri. L’emorragia di piccole e medie imprese, iniziata nel 2009, si è (finalmente) interrotta nel Nord-Est (+0,3% nel 2015) e nel Nord-Ovest (+1,8%). Al Centro, le cose vanno meno bene: il tessuto imprenditoriale ha continuato a subire una riduzione, anche se meno consistente agli ultimi anni (nel 2015 il calo è stato dello 0,7%).
Cresce anche il fatturato – da notare, però, che i livelli pre-crisi rimangono comunque ancora lontani –, nel 2015 è aumentato nel Nord-Est e nel Nord-Ovest con tassi che si aggirano intorno al 3% e dunque di poco inferiori a quelli registrati nel Centro (+2,2%).
L’impatto della crisi economica non è stato omogeneo: alcune PMI hanno sofferto più di altre – il rapporto osserva che ad uscire dal mercato sono state principalmente le imprese con un grado di rischio economico finanziario elevato già nel 2007 – mentre quelle che sono sopravvissute alle difficoltà della crisi ne sono uscite rafforzate, con bilanci consolidati.
Il tessuto imprenditoriale italiano conta meno PMI – nel 2016, ad esempio, le imprese attive presenti in Italia erano 134.553 in meno rispetto al 2009 (dati Unioncamere-InfoCamere) –, ma quelle presenti sul mercato sono più solide. Anche se emergono sostanziali differenze a livello territoriale: il report Confindustria-Cerved sottolinea che quelle del Nord presentano una minore fragilità rispetto alle concorrenti del Centro.

 

Scrivi una replica

News

Bloomberg Billionaires Index: Jeff Bezos (Amazon) è il più ricco al mondo

Sarà ufficializzato dopo la chiusura di Wall Street, ma con un patrimonio di 90 miliardi di dollari il numero uno di Amazon, Jeff Bezos, è…

27 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Povertà, Boeri: “Fino a oggi tutele solo per gli over 65”

Tito Boeri, presidente dell’Inps, in audizione alla Camera ha sottolineato come “il nostro sistema di protezione sociale ha contenuto i rischi di povertà per gli…

27 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, Gentiloni: “Serve impegno comune per froteggiare questa sfida”

Il premier Paolo Gentiloni, nella conferenza stampa tenutasi dopo l’incontro con il presidente del Spd Martin Schulz, sostiene che “il messaggio è che serve un…

27 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Venezuela: al via lo sciopero nazionale. Tre morti negli scontri

Durante la prima giornata di sciopero nazionale in Venezuela, convocata mercoledì contro la riforma costituzionale voluta dal governo Maduro, tre persone hanno perso la vita…

27 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia