L’effetto della crisi sui redditi delle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’effetto della crisi sui redditi delle famiglie

Secondo il Pew Research Center tra il 1991 ed il 2010 i redditi delle famiglie della classe media sono diminuiti del 20%, ma tra il 2012 ed il 2014 si è arrestata la caduta
di Redazione

Uno dei principali effetti che la crisi economica ha avuto su gran parte d’Europa è stato un impoverimento generale delle famiglie. Ma tale condizione, in taluni casi, trae origine anche prima dell’inizio della crisi economica. In quello italiano, ad esempio, il Pew Research Center in un recente studio parla di un calo dei redditi della classe media italiana pari al 20% nell’arco di 20 anni (-23% se si considera la classe più bassa).

Un dato allarmante, anche se riferito al periodo 1991-2010, soprattutto perché è il più marcato dell’intera Unione europea. In Spagna, per fare un confronto, si registra un calo del reddito delle famiglie della classe media pari al 5%, mentre in Francia si registra addirittura una crescita. Secondo alcune comparazioni, per esempio quelle effettuate dall’Adoc, il reddito disponibile delle famiglie italiane sarebbe inferiore del 25% alla media Ue.
In generale nel nostro Paese, secondo le rilevazioni della Banca d’Italia – contenute nel Supplemento al Bollettino statistico I Bilanci delle famiglie italiane – dal 2008 il reddito familiare netto medio non ha fatto che diminuire (soprattutto a causa della riduzione dei redditi da lavoro) per arrestare la caduta tra il 2012 ed il 2014, quando è tornato a crescere lievemente.
Anche gli ultimi dati dell’Istat sono incoraggianti: nel 2016 il reddito disponibile delle famiglie italiane è cresciuto mediamente dell’1,6%, comportando sia un aumento del potere d’acquisto, +1,6%, che della spesa per consumi, +1,3%.
Tutto sommato, sembra quindi che i bilanci familiari siano in miglioramento, una tendenza osservabile anche dalle serie storiche dell’Istat riguardanti alcune componenti della fiducia dei consumatori. Nonostante le ultime rilevazioni mostrino molto spesso andamenti altalenanti, tra il 2014 e questi primi mesi del 2017 si può notare un netto miglioramento sia dei giudizi sulla situazione economica della famiglia (dai -54 punti dell’aprile del 2014 ai -25 dello stesso mese del 2017), che dei giudizi sul bilancio familiare (da -15 punti a 9). Permane comunque un lieve pessimismo sul futuro: l’indice relativo alle attese sulla situazione economica della famiglia è infatti leggermente peggiorato nell’arco dei quattro anni, da -6 punti a -9 punti.

 

Scrivi una replica

News

Draghi: “Sosterremo riorganizzazione banche dopo la Brexit”

“Siamo pronti a sostenere le banche a riorganizzare le loro attività nella zona euro in seguito alla Brexit, ma è necessario che le banche si…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Prospettive migliorano ma serve più crescita”

“Le prospettive economiche della zona euro stanno migliorando e i rischi al ribasso sono moderati, ma questi segni positivi non devono distrarre dalla necessità di…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Ripresa più forte ma target inflazione lontano”

“Rimaniamo fermamente convinti che una quantità straordinaria di supporto alla politica monetaria è ancora necessaria per riassorbire l’attuale livello di risorse non utilizzate e perché…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: “L’Ue deve crescere”

“L’Unione europea deve crescere, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità nel campo della difesa ma anche dei rapporti con l’Africa”. Lo ha affermato all’ANSA il presidente…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia