La legge sulla legittima difesa e la situazione politica | T-Mag | il magazine di Tecnè

La legge sulla legittima difesa e la situazione politica

Come avrebbero votato gli italiani alle presidenziali francesi? E quali posizioni esprimono gli intervistati sulla questione relativa al principio di legittima difesa? Le risposte e le intenzioni di voto nell'ultima indagine di Tecnè per Porta a Porta
di Redazione

Se gli italiani avessero potuto votare per le presidenziali, per chi avrebbero espresso il loro consenso? Tecnè lo ha chiesto nell’indagine condotta per Porta a Porta dell’8 maggio 2017. Il 45% degli intervistati ha risposto che avrebbe votato per Emmanuel Macron, nuovo presidente della Repubblica francese. Marine Le Pen, del Front National, avrebbe ottenuto il 18% dei consensi. Mentre l’area dell’astensione/incerti si sarebbe attestata al 37% (con la quota degli incerti che nel dettaglio sarebbe al 5%).

L’altro tema di stretta attualità sondato da Tecnè nell’indagine è quello relativo alla legittima difesa. Il 64% tra gli interpellati si dichiara favorevole ad estendere la norma anche quando l’aggressione avviene di giorno. Contrari il 36%. Maggiore incertezza, invece, sul principio di legittima difesa: l’uso di armi in caso di aggressione deve essere sempre considerato “legittima difesa”, indipendentemente dalle valutazioni di un giudice per il 48% degli intervistati, mentre deve essere sempre valutato da un giudice se ci sono sono le condizioni per il 52%.

Tecnè ha poi “misurato” gli umori relativi alla situazione politica in Italia. Salgono sia il M5S che il Pd. Se si votasse oggi il Movimento 5 Stelle risulterebbe essere il primo partito con il 32% dei consensi (era al 31,5% un mese fa). Il Partito democratico guadagna due punti percentuali e si attesta oggi al 27%, mentre Democratici e Progressisti scende al 3,5%. Campo Progressista – il progetto politico promosso da Giuliano Pisapia – e Sinistra Italiana si posizionano rispettivamente allo 0,5% e al 2,5%. Forza Italia e Lega Nord, invece, si attestano al 12,5% e al 12%, entrambe le formazioni in lieve calo. Fratelli d’Italia al 4,5% (-0,5% rispetto ad un mese fa), Alternativa Popolare al 2,5% (stabile), altri al 3%. L’area degli incerti/astensione si attesterebbe al 44,5%, in discesa dal precedente 47%.

NOTA METODOLOGICA:
Titolo dell’indagine: La legge sulla legittima difesa e la situazione politica
Tipo di campione: rappresentativo della popolazione di 18 anni e oltre residente in Italia
Articolazione del campione: sesso, età e area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione : 1.000 casi
Margine di errore : +/- 3,1%
Metodo di rilevazione: CATI
Data di effettuazione delle interviste: 6-7 maggio 2017
Committente: Porta a Porta
Soggetto realizzatore: Tecnè S.r.l.

 

Scrivi una replica

News

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Un confronto accesso non intacca il nostro buon lavoro»

«Il confronto, che a tratti può essere anche acceso, tra le forze della maggioranza non intacca il buon lavoro che stiamo facendo. Andiamo avanti consapevoli…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia