I numeri dell’e-commerce nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri dell’e-commerce nel 2016

Il Rapporto della Casaleggio e associati evidenzia un cambio di strategia da parte delle imprese rispetto al 2015: sempre più aziende decidono di appoggiarsi a marketplace come eBay o Amazon
di Redazione

Nonostante nel corso del 2016 i consumi interni abbiano registrato andamenti altalenanti e le esportazioni un rallentamento, il commercio elettronico ha registrato una nuova crescita a doppia cifra rispetto all’anno precedente.
Secondo le cifre contenute null’ultimo Rapporto redatto dalla Casalleggio e Associati – L’e-commerce in Italia 2017 -, nel corso dei dodici mesi scorsi il valore dell’e-commerce italiano ha raggiunto i 31,7 miliardi di euro, registrando una crescita del 10% rispetto al valore del 2015 (pari a 28,8 miliardi).

Gran parte del fatturato è stato generato dai settori legati al tempo libero e al turismo, che da soli rappresentano oltre il 70% del fatturato totale. Osservando da vicino le quote si può notare come la fetta più grande riguardi proprio il tempo libero con una percentuale del 43%, seguito appunto dal turismo con il 31%; dai centri commerciali, con il 10%; e dalle assicurazioni, con il 6%. Quote inferiori al 3% del fatturato totale giungono invece dall’elettronica, con il 2,9%, dal settore alimentare, con il 2,4%, dall’editoria, con il 2%; e dalla moda, con l’1,9%, mentre percentuali ancora più esigue sono legate a casa e arredamento (0,5%) e salute e bellezza (0,3%).
Interessante notare come lo studio della Casaleggio e Associati ci tenga a sottolineare come quasi la totalità del fatturato legato al tempo libero sia legato alle somme rigiocate nel gioco on line (il 35% del fatturato totale, contro il 3,5% dalla spesa diretta in giochi online e il 4,5% da altre voci legate al tempo libero).
Ma quanto fatturato è legato alle vendite verso i mercati esteri? Secondo l’analisi, circa il 29% del fatturato e-commerce delle aziende italiane è riconducibile ad acquisti effettuati al di fuori dei confini nazionali. Un dato in crescita rispetto al 27% registrato un anno fa.
Bisogna però fare una distinzione tra imprese italiane con sede all’estero e imprese con sede all’interno del Paese. Nel primo caso, infatti, dove le imprese italiane hanno mostrato una maggiore apertura ai mercati esteri, aprendo sedi in altri Paesi o facendo parti di multinazionali, il fatturato e-commerce estero è pari al 44% del fatturato totale. Differenze sostanziali si notano anche tra i siti italiani in multilingua e i siti solo in italiano: nel primo caso il fatturato estero da e-commerce è pari al 35% del totale, mentre nel secondo la quota scende addirittura all’8%.
Ad oggi il 35% delle imprese italiane vende solo all’interno del nostro Paese. Del restante 65% di imprese, ovvero quelle aperte maggiormente ai mercati esteri, il 4% ha sede all’estero, il 12% fa parte di multinazionali, il 12% ha un sito solo in italiano mentre il 37% è multilingua.
Altro aspetto interessante riguarda le aziende che decidono di appoggiarsi ad un marketplace (come Amazon, eBay o Alibaba) per vendere i propri prodotti. Rispetto allo scorso anno la percentuale di imprese che hanno deciso di fare questo passo è passata dal 41% al 57%.

 

Scrivi una replica

News

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Un confronto accesso non intacca il nostro buon lavoro»

«Il confronto, che a tratti può essere anche acceso, tra le forze della maggioranza non intacca il buon lavoro che stiamo facendo. Andiamo avanti consapevoli…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia