Mercato immobiliare: in crescita gli investimenti nel primo trimestre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato immobiliare: in crescita gli investimenti nel primo trimestre

A trainare la crescita influisce anche il calo dei prezzi degli immobili che dal 2007 hanno perso complessivamente il 39,7% del loro valore
di Redazione

Il 2017 è iniziato bene per il mercato immobiliare italiano – investimenti in aumento in tutti i settori, eccezion fatta per il Retail –, che dovrebbe chiudere l’anno in crescita.

Tra gennaio e marzo (il dato è del CRBE) sono stati investiti poco più di 1,9 miliardi di euro, il 12% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Determinate è stato il contributo offerto dagli investitori stranieri con 1,3 miliardi, pari al 67% del totale, mentre notevole è stata la crescita del capitale domestico, arrivato a circa 600 milioni di euro (+21% su base annua).
Tra tutti i settori considerati, il Retail ha registrato una “leggera contrazione” – nel primo trimestre il calo è stato del 12% su base annua –, anche se complessivamente il 2017 dovrebbe essere un anno positivo.
Nomisma stima che quest’anno dovrebbe chiudersi con 552.602 transazioni immobiliari, pari al 6,9% rispetto al 2016. Un trend che dovrebbe confermarsi anche nel biennio successivo, anche se, per quanto positiva, la crescita stimata per il 2018 (+4,9%) e il 2019 (+5,6%) è più contenuta. Ad incidere (positivamente) sull’andamento del mercato immobiliare è anche il calo dei prezzi registrato negli ultimi anni: nel complesso, dal 2007 le abitazioni hanno perso il 39,7% del loro valore.
Un dossier condotto dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa – l’analisi ipotizza l’acquisto di un immobile di 85 metri quadri – stima che in Italia occorrono sempre meno annualità per poter comprare una casa: nel 2016 ne servivano 6,2 (in calo rispetto alle 10,2 annualità del 2005). Si tratta di una media, naturalmente.
Nelle grandi città i prezzi crescono molto: a Roma e Milano sono necessarie (rispettivamente) 10 e 9,2 annualità (nella capitale occorrevano 14,8 annualità nel 2007). In quelle più piccole, ne servono meno: a Genova ne occorrono 4,2 mentre a Palermo si fermano a 3,9 annualità.
L’acquisto di una casa rientra tra le priorità di molti italiani: l’ultimo sondaggio di immobiliare.it – la rilevazione ha coinvolto 10mila persone – rivela che, se avesse la possibilità di acquistare un bene da lasciare ai propri eredi, il 51,7% degli italiani sceglierebbe un immobile (il 48,3% sceglierebbe altre tipologie di investimento: un’attività di business redditizia, una polizza vita, fondi d’investimento). Il report osserva che, per quanto alto, il dato è in calo rispetto al 2006, quando la percentuale superava il 60%.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia