Settore manifatturiero: le previsioni per il 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Settore manifatturiero: le previsioni per il 2017

Aumentare il peso della manifattura avrebbe (ovviamente) effetti positivi sulla crescita economica del Paese
di Redazione

Quello manifatturiero è un tessuto imprenditoriale uscito rafforzato dalla crisi economica. L’aumento della dimensione media – nel primo semestre del 2016 le imprese manifatturiere impiegavano mediamente 3,1 addetti contro i 1,8 del 2013 – dimostra probabilmente che le difficoltà hanno costretto le imprese più piccole ad uscire dal mercato perché meno attrezzate delle concorrenti più grandi rimaste in attività. Il dato sul fatturato atteso per il 2017 sembra confermare questa tesi.

Il 91/mo rapporto analisi dei Settori Industriali, curato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e da Prometeia, stima che nel 2017 il fatturato dell’industria manifatturiera italiana si rafforzerà con una crescita dell’1,6% a prezzi costanti, per poi consolidarsi su ritmi leggermente più modesti (+1,5% in media d’anno, nel periodo 2018-21), condizionata dalla specializzazione in settori maturi e da un contesto internazionale ancora improntato all’incertezza.
In crescita anche le esportazioni – l’export aumenterà del 2,4% nel 2017 per poi accelerare al +3% nella media 2018-21 –, complice anche il ruolo di “primo piano esercitato dall’Italia nelle catene produttive europee”.
Una notizia positiva. In una nota diffusa tempo fa – Più manifatturiero, più PIL –, il Centro studi Confindustria (CsC) osserva che dal manifatturiero provengono i beni esportabili che servono a pagare le bollette energetiche e alimentari e a finanziare le importazioni italiane.
Un’eventuale calo dell’export potrebbe avere un effetto molto negativo sull’economia: il CsC stima che “una riduzione permanente del 20% delle esportazioni (costituite per l’80% circa da beni manufatti) comporterebbe per l’Italia una riduzione del PIL di circa il 15% in otto anni”, con una diminuzione degli investimenti (-17,2%) e delle importazioni (-22,6%).
Aumentare il peso della manifattura avrebbe (ovviamente) effetti positivi: il CsC calcola che l’aumento di un punto percentuale in cinque anni della quota manifatturiera reale sul totale dell’economia genera una crescita economica aggiuntiva annua (il PIL dovrebbe crescere di circa 0,5% percentuali nel periodo successivo).

 

Scrivi una replica

News

Alfano: «L’Austria si ritira sui consolati»

«Apprendiamo con soddisfazione che dal ministero degli Esteri austriaco è giunta notizia del ritiro del disegno di legge sull’Alto Adige che riguardava l’apertura dei consolati…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: «Egoismi bloccano il bilancio dell’Europa»

«Confidiamo che il semestre a guida rumena del Consiglio europeo, nei primi sei mesi del 2019, possa dare un contributo a ravvicinare le diverse posizioni,…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Segnali di novità da M5S»

«Sì, ci sono dei segnali di novità dal M5S, confidiamo oggi in quel che dirà Di Maio». Lo ha detto Matteo Salvini, all’uscita da Palazzo…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Macron-Merkel: «Presto visione comune per l’Europa»

«Entro giugno abbiamo l’obiettivo di presentare una visione comune per l’Europa». Lo ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron, nel corso di una conferenza stampa…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia