Inflazione: perché la BCE resta cauta | T-Mag | il magazine di Tecnè

Inflazione: perché la BCE resta cauta

Anche in Italia l'andamento dei prezzi al consumo ha mostrato un'accelerazione, ma alcune variabili invitano ancora alla prudenza
di Redazione

Il presidente della Banca centrale europea (BCE), Mario Draghi, lo ha ribadito di nuovo, recentemente: è ancora presto per affermare che il target dell’inflazione al 2% – prerogativa dell’istituto di Francoforte, appunto – è stato raggiunto. Alcune variabili, nonostante la ripresa dell’economia dell’Eurozona, invitano alla prudenza.

Anche in Italia i prezzi al consumo sono tornati a salire: in un anno, da aprile 2016 ad aprile 2017 stando alle ultime rilevazioni dell’Istat, l’inflazione è aumentata dell’1,9% (dal +1,4% di marzo; su base mensile l’incremento è stato invece dello 0,4%), portandosi ai massimi dal 2013.
Ma l’accelerazione dell’inflazione deriva soprattutto dalla crescita dei beni energetici, mentre l’inflazione di fondo – al netto degli energetici e degli alimentari freschi, vale a dire le componenti più volatili – sale di quattro decimi di punto percentuale, su livelli più contenuti (+1,1%, da +0,7% di marzo).Sono proprio le pressioni sull’inflazione di fondo a frenare la BCE, che per il momento non intende rinunciare alle misure di stimolo e alle attuali politiche monetarie (con particolare riferimento al quantitative easing, il programma di acquisti di titoli di Stato).
La BCE, infatti, prima di allentare l’accomodamento monetario vuole che alcuni criteri vengano soddisfatti. Innanzi tutto l’aumento dell’inflazione dovrà interessare tutti i paesi dell’Eurozona, non solo alcuni. In più il trend dei prezzi dovrà mostrarsi prossimo al target del 2% in maniera ferma (su un orizzonte di medio periodo, scongiurando così il pericolo deflazione), livelli che dovranno essere poi mantenuti anche quando – con le condizioni economiche ormai favorevoli – il supporto monetario risulterà essere inferiore. Ma per questo dovrà contribuire anche un’ulteriore ripresa dei consumi, a sostegno della stabilità dei prezzi, favorendo la produzione e migliorando le prospettive di occupazione.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia