I fattori che frenano gli IDE | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che frenano gli IDE

Sono diversi e incidono negativamente sull'appeal dell'Italia che non riesce ad essere attraente quanto i principali partner europei
di Redazione

Diversi indici classificano i Paesi a seconda di quanto possono essere attraenti per gli investitori esteri. Quello di At Kearney – il FDI, acronimo inglese che sta per Foreign direct investment –, sostiene che l’Italia ha accresciuto il suo appeal. Nonostante i tanti fattori che frenano gli IDE.

Nella classifica di At Kearney, l’Italia ha guadagnato tre posizioni, raggiungendo il 13esimo posto sui 25 disponibili. Si tratta di una notizia positiva – maggiore è l’appeal di un Paese, più alte sono le probabilità di crescita per gli investimenti (stranieri e non) –, specie considerando che i nostri principali partner europei riescono ad attirare un maggior numero di investimenti: una ricerca condotta da UHY, che ha analizzato l’incidenza degli investimenti diretti esteri (IDE) sul PIL delle 44 maggiori economie del mondo, rivela che nel 2015 gli investimenti stranieri diretti in Italia sono stati pari allo 0,7% del Prodotto interno lordo (il nostro Paese è al 36esimo posto nella classifica stilata da UHY). Una quota più bassa alla media europea (2% del PIL) e inferiore a quella rilevata tra le principali economie europee: Spagna (2,1%), Gran Bretagna (1,8%), Francia (1,4%) e Germania (1,4%)
Nel 2015 gli investimenti esteri nella Penisola hanno raggiunto i 13 miliardi di dollari contro gli oltre 50 in Gran Bretagna, 46 in Germania, 35 in Francia e 25 in Spagna.
L’UHY sottolinea che alcuni fattori – lo studio cita il calo delle imposte introdotto dalla legge di Stabilità che porta la tassazione sul reddito di imprese dal 31,4% al 27,9% nel 2017 – potrebbero rendere l’Italia più competitiva.
Tante sono le cose che disincentivano gli stranieri dall’investire in Italia. In un’analisi relativa agli IDE in Italia nel 2014, la CGIA di Mestre ne ha indicati diversi: la burocrazia, il peso della tassazione, il ritardo dei pagamenti nelle transazioni commerciali, il deficit infrastrutturale, il basso livello di sicurezza presente in alcune aree del Paese e la “lentezza” della giustizia civile.
Secondo un recente studio pubblicato dalla Commissione Europea, la riduzione delle cause pendenti per numero di abitanti potrebbe aumentare gli investimenti esteri diretti in Italia: abbassarle al livello della media europea potrebbe di per sé generare afflussi extra dall’estero per un valore compreso tra lo 0,66 e lo 0,86 del PIL (ovvero tra i 10,8 e i 14,1 miliardi di euro l’anno in più).

 

Scrivi una replica

News

Draghi: “Sosterremo riorganizzazione banche dopo la Brexit”

“Siamo pronti a sostenere le banche a riorganizzare le loro attività nella zona euro in seguito alla Brexit, ma è necessario che le banche si…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Prospettive migliorano ma serve più crescita”

“Le prospettive economiche della zona euro stanno migliorando e i rischi al ribasso sono moderati, ma questi segni positivi non devono distrarre dalla necessità di…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Ripresa più forte ma target inflazione lontano”

“Rimaniamo fermamente convinti che una quantità straordinaria di supporto alla politica monetaria è ancora necessaria per riassorbire l’attuale livello di risorse non utilizzate e perché…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: “L’Ue deve crescere”

“L’Unione europea deve crescere, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità nel campo della difesa ma anche dei rapporti con l’Africa”. Lo ha affermato all’ANSA il presidente…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia