Esportazioni in crescita nel primo trimestre 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Esportazioni in crescita nel primo trimestre 2017

Il dato è in linea con la crescita attesa per il 2017: secondo le previsioni del SACE, quest'anno le esportazioni dovrebbero aumentare del 3,8%
di Redazione

Il 2017 è iniziato bene per l’export italiano. La periodica rilevazione dell’ISTAT – Commercio con l’estero e prezzi all’import dei prodotti industriali – certifica che nel primo trimestre del 2017 le esportazioni italiane sono cresciute del 3% su base trimestrale (ad aumentare, con un ritmo leggermente più sostenuto, sono state anche le importazioni: +3,3%).

L’incremento delle esportazioni coinvolge entrambe le principali aree di sbocco, con una crescita più consistente per i Paesi extra UE: in questo caso l’incremento è stato del 4,7% contro il +1,6% dell’area UE.
Si tratta di un dato molto importante: il recente e “sensibile rallentamento” del commercio con i Paesi non appartenenti all’Unione europea ha inciso (negativamente) sulle esportazioni italiane, fondamentali nel determinare la ripresa economica italiana tra il 2014 e il 2015.
Quest’anno le cose dovrebbero cambiare: secondo REF, nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano sarà trainato principalmente dall’export – “la crescita di quest’anno si basa sull’accelerazione delle esportazioni” –, a beneficiarne sarà l’attività industriale, con effetti altrettanto positivi sull’andamento degli investimenti.
Meno dinamici gli altri settori; soprattutto i servizi presentano minori spazi di crescita considerando che le prospettive per i consumi delle famiglie italiane restano moderate.
La performance del primo trimestre del 2017 è in linea con le attese: secondo le stime del SACE, quest’anno le esportazioni dal nostro Paese aumenteranno del 3,8%, per poi accelerare leggermente l’anno successivo (+3,9%) e nel 2019 (+4,1%). Tassi di crescita che rimangono comunque inferiori ai livelli precedenti la crisi economica.
Ad incentivare l’aumento dell’export italiano sarà la ripresa del commercio internazionale: il WTO stima che nel 2017 il volume degli scambi crescerà del 2,4% (contro il più modesto +1,3% registrato nel 2016), a patto (naturalmente) di alcune conferme.
Secondo il WTO, le economie avanzate non dovranno abbandonare le loro politiche monetarie e di bilancio “accomodanti”, la ripresa economica dei Paesi emergenti dovrà proseguire ed eventuali politiche protezionistiche dovranno essere scongiurate.
A seconda delle scelte che verranno fatte e dell’intensità con cui cresceranno gli emergenti, la crescita degli scambi potrebbe variare dall’1,8% al 3,6% nel 2017 (mentre per il 2018, la forchetta è compresa tra il 2,1 e il 4%).

 

Scrivi una replica

News

Sottomarino scomparso, Marina: “Ci fu un’esplosione”

Il rumore che la Marina militare argentina aveva captato nel corso della giornata di mercoledì 15 novembre, in occasione dell’ultimo contatto con il sottomarino scomparso…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania: “Raggiunto un accordo con il Bangladesh per il rientro di Rohingya”

La Birmania e il Bangladesh hanno firmato un accordo per il rientro di centinaia di migliaia di Rohingya fuggiti dalle violenze dell’esercito nello Stato birmano…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Bianconi-Gualdani: “Rifinanziato il bonus bebè per tre anni”

“Siamo molto soddisfatti perché Alternativa popolare ha vinto la sua battaglia sul bonus bebè. Uscito dai radar della legge di Bilancio, invece sarà integralmente rifinanziato…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Salvini: “Chiediamo a Berlusconi e al centrodestra un patto con gli italiani”

“Chiederemo a Silvio Berlusconi e al centrodestra di fare un nuovo patto con gli italiani e chiederemo un impegno formale ai nostri alleati di fare…

23 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia