Esportazioni in crescita nel primo trimestre 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Esportazioni in crescita nel primo trimestre 2017

Il dato è in linea con la crescita attesa per il 2017: secondo le previsioni del SACE, quest'anno le esportazioni dovrebbero aumentare del 3,8%
di Redazione

Il 2017 è iniziato bene per l’export italiano. La periodica rilevazione dell’ISTAT – Commercio con l’estero e prezzi all’import dei prodotti industriali – certifica che nel primo trimestre del 2017 le esportazioni italiane sono cresciute del 3% su base trimestrale (ad aumentare, con un ritmo leggermente più sostenuto, sono state anche le importazioni: +3,3%).

L’incremento delle esportazioni coinvolge entrambe le principali aree di sbocco, con una crescita più consistente per i Paesi extra UE: in questo caso l’incremento è stato del 4,7% contro il +1,6% dell’area UE.
Si tratta di un dato molto importante: il recente e “sensibile rallentamento” del commercio con i Paesi non appartenenti all’Unione europea ha inciso (negativamente) sulle esportazioni italiane, fondamentali nel determinare la ripresa economica italiana tra il 2014 e il 2015.
Quest’anno le cose dovrebbero cambiare: secondo REF, nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano sarà trainato principalmente dall’export – “la crescita di quest’anno si basa sull’accelerazione delle esportazioni” –, a beneficiarne sarà l’attività industriale, con effetti altrettanto positivi sull’andamento degli investimenti.
Meno dinamici gli altri settori; soprattutto i servizi presentano minori spazi di crescita considerando che le prospettive per i consumi delle famiglie italiane restano moderate.
La performance del primo trimestre del 2017 è in linea con le attese: secondo le stime del SACE, quest’anno le esportazioni dal nostro Paese aumenteranno del 3,8%, per poi accelerare leggermente l’anno successivo (+3,9%) e nel 2019 (+4,1%). Tassi di crescita che rimangono comunque inferiori ai livelli precedenti la crisi economica.
Ad incentivare l’aumento dell’export italiano sarà la ripresa del commercio internazionale: il WTO stima che nel 2017 il volume degli scambi crescerà del 2,4% (contro il più modesto +1,3% registrato nel 2016), a patto (naturalmente) di alcune conferme.
Secondo il WTO, le economie avanzate non dovranno abbandonare le loro politiche monetarie e di bilancio “accomodanti”, la ripresa economica dei Paesi emergenti dovrà proseguire ed eventuali politiche protezionistiche dovranno essere scongiurate.
A seconda delle scelte che verranno fatte e dell’intensità con cui cresceranno gli emergenti, la crescita degli scambi potrebbe variare dall’1,8% al 3,6% nel 2017 (mentre per il 2018, la forchetta è compresa tra il 2,1 e il 4%).

 

Scrivi una replica

News

Macron: “Trump presente alla parata del 14 luglio a Parigi”

Donald Trump ha accettato l’invito da parte di Emmanuel Macron per assistere alla parata prevista per il 14 luglio a Parigi. Lo ha reso noto…

28 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, fondo Ue da 3,3 miliardi per aggredire le cause delle migrazioni

L’accordo raggiunto tra il Consiglio e il Parlamento europeo prevede il via libera a un piano da 3,3 miliardi di euro per aggredire le cause…

28 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa: “Le pensioni d’oro sono un’offesa al lavoro”

“Le ‘pensioni d’oro’ sono un’offesa al lavoro non meno grave delle pensioni troppo povere, perché fanno sì che le diseguaglianze del tempo del lavoro diventino…

28 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, governo sta valutando l’opportunità di negare l’approdo nei porti italiani

Da quanto si apprende da fonti governative, il governo italiano sta valutando la possibilità di negare l’approdo nei porti italiani alle navi che effettuano salvataggi…

28 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia