Imprese digitalizzate: quali vantaggi? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese digitalizzate: quali vantaggi?

Secondo le opinioni raccolte da Capgemini investire in fabbriche intelligenti potrebbe generare un aumento del 27% dell'efficienza produttiva in cinque anni
di Redazione

Sono numerosi gli studi che hanno ipotizzato i vantaggi della rivoluzione industriale digitale, altrettanti quelli che mettono in luce, invece, i possibili svantaggi. Tra i vari dubbi, legati soprattutto ai posti di lavoro che potrebbero andare persi, ci sono però anche delle stime incoraggianti.

L’ultimo studio redatto dal Digital Trasformation Institute di Capgemini sostiene che gli investimenti in fabbriche intelligenti potrebbero generare un aumento del 27% dell’efficienza produttiva nell’arco del prossimo quinquennio, comportando un valore aggiunto all’economia globale di ben 500 miliardi di euro. Il fattore incoraggiante è che si tratta di stime espresse dalle aziende attive nel settore manifatturiero.

Non solo, secondo l’indagine gran parte delle imprese intervistate sembra aver capito che più che ridurre i posti di lavoro, la strategia più adatta con l’avvento dell’automazione sia accrescere le competenze dei propri dipendenti, riducendo le inefficienze. Non a caso il 54% degli intervistati ha dichiarato di aver inserito i propri dipendenti in percorsi di formazione digitale, mentre il 44% sta investendo in nuove forze di lavoro già formate in tal senso.

Nel nostro Paese, secondo una ricerca condotta da Ranstad in 33 Paesi, due lavoratori su tre ritengono necessario un accrescimento delle competenze digitali, anche perché, secondo il 70% degli intervistati, ad oggi le aziende italiane non disporrebbero delle competenze digitali necessarie per avviare un percorso di digitalizzazione.

D’altronde, una maggiore digitalizzazione garantirebbe un impatto positivo sulla competitività delle aziende, sia dal punto di vista dell’internazionalizzazione – spiega uno studio della Boston Consulting – sia dal punto di vista occupazionale e produttivo.

Purtroppo però, tornado all’indagine di CapGemini, ad oggi solo il 6% delle aziende intervistate può vantare una fase avanzata di digitalizzazione della produzione.

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 236,8 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato in rialzo a 236,8 punti.…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Il Governo non mette in discussione l’euro»

«La linea del Governo è che l’euro non è in discussione». Lo ha detto Giovanni Tria, ministro dell’Economia, a chi gli chiedeva quale fosse la…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P: «Il mercato dei bond verdi è cresciuto dell’85% nel 2017»

Michael Wilkins, managing director sustainable finance di Standard & Poor’s, ha sottolineato, nel corso dell’Italian sustainable finance & investments conference, che «il mercato globale dei…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Theresa May è un partner negoziale affidabile»

«La premier britannica Theresa May è un partner negoziale affidabile per il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker». Lo ha detto lo stesso Jean-Claude Juncker,…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia