Pagamenti: ancora troppi ritardi nella P.a. | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pagamenti: ancora troppi ritardi nella P.a.

Il 2017 mostra all’avvio ancora difficoltà per i pagamenti delle aziende della pubblica amministrazione. Nel primo trimestre dell’anno, nonostante si rilevi un aumento – rispetto allo stesso periodo del 2010 – delle aziende che sono riuscite a saldare i debiti con i propri fornitori entro la scadenza, si registra però anche un aumento di quelle che saldano in grave ritardo.

È il quadro che emerge dall’ultimo osservatorio del Cribis sui pagamenti della Pubblica amministrazione, secondo cui ad oggi meno di un’azienda su quattro è puntuale nei pagamenti. Più precisamente solo il 23,6% delle aziende in questione ha saldato alla scadenza i propri debiti economici con i fornitori, contro il 35,6% della media del totale delle imprese italiane.
La Pubblica Amministrazione fa pure peggio se si considerano invece i gravi ritardi, un indicatore – come spiega il Cribis – molto importante per determinare lo stato di salute di un’impresa. Secondo le rilevazioni il 24% delle aziende della P.a. salda i propri fornitori con oltre un mese di ritardo, una quota ben superiore rispetto al 12% della media nazionale.
Tuttavia, come anticipato, qualche segnale incoraggiante c’è. Rispetto al 2010 il numero di aziende della pubblica amministrazione puntali nei pagamenti è aumentato del 12,1%. Allo stesso tempo però, il Cribis ha rilevato anche un aumento dal 20% al 24% della quota di aziende con ritardi nel saldo delle fatture.
Preoccupante il fatto che alcuni settori presentino quote veramente esigue di aziende puntuali. Il più eclatante è il caso della sanità e delle Asl, per le quali si rileva una quota pressoché nulla. Il 44,6% salda infatti con un ritardo inferiore a un mese, mentre il 55,4% paga con grave ritardo.
Controbilanciano invece gli enti territoriali, tra i quali il 14,8% risulta puntuale nei pagamenti contro il 57,2% che pagano entro un mese di ritardo e il 28% che invece salda oltre questo lasso di tempo.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Macron: “Il passaggio alla fase 2 del negoziato è nelle mani della May”

“Il passaggio alla fase 2 del negoziato sulla Brexit è nella mani di Theresa May. Sul fronte finanziario non siamo neanche a metà del cammino…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Raqqa dichirata ufficialmente libera dalle forze filo-Usa

Le forze filo-Usa hanno dichiarato Raqqa ufficialmente libera. La città era “capitale” dello Stato islamico ed è stato ufficialmente dichiarato libera da ogni presenza di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalogna, accordo Pp-Pse per elezioni a gennaio in caso di commisariamento con art. 155

Se la regione ribelle sarà commissariata con l’art. 155 della costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajpy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno deciso di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Possibili misure su web tax in manovra”

“Nella cena di ieri i leader Ue hanno discusso a lungo di web tax, ma voglio sia chiaro che i tempi Ue, così come quelli…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia