Pagamenti: ancora troppi ritardi nella P.a. | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pagamenti: ancora troppi ritardi nella P.a.

Il 2017 mostra all’avvio ancora difficoltà per i pagamenti delle aziende della pubblica amministrazione. Nel primo trimestre dell’anno, nonostante si rilevi un aumento – rispetto allo stesso periodo del 2010 – delle aziende che sono riuscite a saldare i debiti con i propri fornitori entro la scadenza, si registra però anche un aumento di quelle che saldano in grave ritardo.

È il quadro che emerge dall’ultimo osservatorio del Cribis sui pagamenti della Pubblica amministrazione, secondo cui ad oggi meno di un’azienda su quattro è puntuale nei pagamenti. Più precisamente solo il 23,6% delle aziende in questione ha saldato alla scadenza i propri debiti economici con i fornitori, contro il 35,6% della media del totale delle imprese italiane.
La Pubblica Amministrazione fa pure peggio se si considerano invece i gravi ritardi, un indicatore – come spiega il Cribis – molto importante per determinare lo stato di salute di un’impresa. Secondo le rilevazioni il 24% delle aziende della P.a. salda i propri fornitori con oltre un mese di ritardo, una quota ben superiore rispetto al 12% della media nazionale.
Tuttavia, come anticipato, qualche segnale incoraggiante c’è. Rispetto al 2010 il numero di aziende della pubblica amministrazione puntali nei pagamenti è aumentato del 12,1%. Allo stesso tempo però, il Cribis ha rilevato anche un aumento dal 20% al 24% della quota di aziende con ritardi nel saldo delle fatture.
Preoccupante il fatto che alcuni settori presentino quote veramente esigue di aziende puntuali. Il più eclatante è il caso della sanità e delle Asl, per le quali si rileva una quota pressoché nulla. Il 44,6% salda infatti con un ritardo inferiore a un mese, mentre il 55,4% paga con grave ritardo.
Controbilanciano invece gli enti territoriali, tra i quali il 14,8% risulta puntuale nei pagamenti contro il 57,2% che pagano entro un mese di ritardo e il 28% che invece salda oltre questo lasso di tempo.

 

Scrivi una replica

News

È morto Stefano Rodotà, giurista e primo Garante della Privacy

È morto all’età di 84 anni Stefano Rodotà, giurista, politico, già garante della privacy, il primo dal 1997 al 2005. Nel 2013 il M5S propose…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

UE, Angela Merkel: “Vertice ha mostrato spirito di rinnovata fiducia”

“È stato un vertice che ha mostrato uno spirito di rinnovata fiducia. E Francia e Germania forse hanno contribuito in questo”. Lo ha detto Angela…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Gentiloni: “Proposta May è dimostrazione di buone intenzioni, ma da verificare”

“La proposta del premier britannico Theresa May è una dimostrazione di buone intenzioni, ma ci sono molte cose da verificare nel merito”. Lo ha dichiarato…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: “Proposta May è un primo passo, ma non sufficiente”

“L’offerta del premier britannico Theresa May sui diritti dei cittadini è un primo passo, ma non è sufficiente”. È quanto dichiarato il presidente della Commissione…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia