Produttività ancora in calo nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produttività ancora in calo nel 2016

La flessione ha coinvolto tanto lʼindustria in senso stretto quanto i servizi sebbene in misura meno intensa
di Redazione

Quella italiana è un’economia che cresce “a ritmi moderati” – nel 2016 il Prodotto interno lordo è aumentato dello 0,9% –, complice (soprattutto) la “scarsa dinamica della produttività”.
L’osservazione è contenuta nel Rapporto Annuale 2017 dell’ISTAT che già in passato – in uno studio intitolato Misure di produttività (anni 1995-2015) – aveva sottolineato che il nostro Paese presentava evidenti ritardi in questo senso, specie nel confronto con il resto dei nostri principali partner europei.

Tra il 1995 e il 2015, in Italia, la produttività del lavoro, calcolata come valore aggiunto per ora lavorata, è cresciuta ad un tasso medio annuo dello 0,3% (contro l’1,5% registrato in Germania e nel Regno Unito nello stesso periodo o l’1,6% della Francia).
Una performance negativa a cui se ne aggiungeva un’altra: l’Italia era l’unico Paese tra quelli considerati nello studio a registrare una diminuzione della produttività del lavoro nel 2015 (-0,3%).
Lo scorso anno, scrive l’ISTAT nel Rapporto Annuale 2017, la produttività del lavoro – ovvero il rapporto tra l’intero valore della produzione realizzata e il volume o la quantità del lavoro (unità di lavoro e/o ore lavorate) impiegato nella produzione – è risultata in diminuzione per l’intera economia (-1,1%), principalmente a fronte di un aumento del costo medio del lavoro per unità di prodotto (+1,1%).
La flessione ha coinvolto l’industria in senso stretto (-0,9%) e, in misura più intensa, anche i servizi: commercio, alberghi, trasporti, comunicazione e informatica (-1,5%) e servizi finanziari, immobiliari, noleggio e servizi alle imprese (-3,3%).
Si tratta di un dato poco positivo: la crescita economica è strettamente connessa alla produttività. E l’Italia, sottolinea l’ISTAT, ha accumulato su entrambi i fronti un ritardo notevole rispetto alle principali economie avanzate: nel periodo 2000-2014 il PIL pro-capite è diminuito del 7,1% mentre la produttività totale dei fattori è scesa del 6,2%.
La produttività totale dei fattori è fondamentale perché tiene conto dell’influenza di tutti i fattori produttivi – lavoro e capitale, ma anche la capacità di innovazione e di gestione aziendale – che portano a produrre di più a parità di risorse impiegate.
Oltre alla “prolungata stagnazione della produttività”, tra i fattori, che hanno influito sulle performance dell’economia italiana negli anni Duemila – “durante i quali la dinamica del PIL italiano è stata la più modesta tra quelle dei paesi europei” –, l’ISTAT indica anche la frammentazione dimensionale del sistema produttivo, un modello di specializzazione fondato prevalentemente su attività a tecnologia medio-bassa e le inefficienze normative e giudiziarie.

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, ipotesi contratti a tempo determinato più cari

I contratti a tempo determinato potrebbero essere più cari. È quanto si apprende da ambienti vicini al dossier, l’ipotesi è per ottenere l’obiettivo di incentivare…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Kim Jong Un è un pazzo che verrà messo alla prova”

Il dittatore della Corea del Nord è “un pazzo”. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il giorno dopo aver…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran, Rohani: “Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente”

“Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente. Rafforzeremo le nostre capacità missilistiche”. Lo ha detto il presidente iraniano, Hassan Rohani, in un discorso trasmesso dalla…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico, sale a 286 il bilancio delle vittime

Sale a 286 il bilancio delle vittime del terremoto in Messico. Lo ha reso noto il responsabile della Protezione Civile messicana. 148 persone sono morte…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia