Produttività ancora in calo nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produttività ancora in calo nel 2016

La flessione ha coinvolto tanto lʼindustria in senso stretto quanto i servizi sebbene in misura meno intensa
di Redazione

Quella italiana è un’economia che cresce “a ritmi moderati” – nel 2016 il Prodotto interno lordo è aumentato dello 0,9% –, complice (soprattutto) la “scarsa dinamica della produttività”.
L’osservazione è contenuta nel Rapporto Annuale 2017 dell’ISTAT che già in passato – in uno studio intitolato Misure di produttività (anni 1995-2015) – aveva sottolineato che il nostro Paese presentava evidenti ritardi in questo senso, specie nel confronto con il resto dei nostri principali partner europei.

Tra il 1995 e il 2015, in Italia, la produttività del lavoro, calcolata come valore aggiunto per ora lavorata, è cresciuta ad un tasso medio annuo dello 0,3% (contro l’1,5% registrato in Germania e nel Regno Unito nello stesso periodo o l’1,6% della Francia).
Una performance negativa a cui se ne aggiungeva un’altra: l’Italia era l’unico Paese tra quelli considerati nello studio a registrare una diminuzione della produttività del lavoro nel 2015 (-0,3%).
Lo scorso anno, scrive l’ISTAT nel Rapporto Annuale 2017, la produttività del lavoro – ovvero il rapporto tra l’intero valore della produzione realizzata e il volume o la quantità del lavoro (unità di lavoro e/o ore lavorate) impiegato nella produzione – è risultata in diminuzione per l’intera economia (-1,1%), principalmente a fronte di un aumento del costo medio del lavoro per unità di prodotto (+1,1%).
La flessione ha coinvolto l’industria in senso stretto (-0,9%) e, in misura più intensa, anche i servizi: commercio, alberghi, trasporti, comunicazione e informatica (-1,5%) e servizi finanziari, immobiliari, noleggio e servizi alle imprese (-3,3%).
Si tratta di un dato poco positivo: la crescita economica è strettamente connessa alla produttività. E l’Italia, sottolinea l’ISTAT, ha accumulato su entrambi i fronti un ritardo notevole rispetto alle principali economie avanzate: nel periodo 2000-2014 il PIL pro-capite è diminuito del 7,1% mentre la produttività totale dei fattori è scesa del 6,2%.
La produttività totale dei fattori è fondamentale perché tiene conto dell’influenza di tutti i fattori produttivi – lavoro e capitale, ma anche la capacità di innovazione e di gestione aziendale – che portano a produrre di più a parità di risorse impiegate.
Oltre alla “prolungata stagnazione della produttività”, tra i fattori, che hanno influito sulle performance dell’economia italiana negli anni Duemila – “durante i quali la dinamica del PIL italiano è stata la più modesta tra quelle dei paesi europei” –, l’ISTAT indica anche la frammentazione dimensionale del sistema produttivo, un modello di specializzazione fondato prevalentemente su attività a tecnologia medio-bassa e le inefficienze normative e giudiziarie.

 

Scrivi una replica

News

Il tribunale di Roma ha revocato il blocco del servizio Uber Black

Il tribunale di Roma ha revocato oggi venerdì 26 maggio l’ordinanza del 7 aprile con cui era stato disposto il blocco sul territorio nazionale del…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

G7, Tusk: “Non c’è dubbio: sarà il vertice più difficile”

“Non c’è dubbio che è il più difficile dei G7”. Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, intervenendo in occasione di una…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

G7, Gentiloni: “Ci sarà una dichiarazione importante sul terrorismo”

“La straordinaria storia e bellezza che ci circonda credo possa dare un contributo molto importante ai leader del G7 e aiutare la comunità internazionale a…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: fatturato servizi +1,6% nel primo trimestre 2017

Nel primo trimestre del 2017 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) aumenta dell’1,6%…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia