Le vittime del terrorismo in Europa dal 1970 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le vittime del terrorismo in Europa dal 1970

Quello di Manchester è il tredicesimo attacco terroristico compiuto in un Paese europeo dall'assalto alla redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo dell'8 gennaio 2015, a Parigi
di Mirko Spadoni

Il 22 maggio un uomo – Salman Ramadan Abedi, 22 anni – si è fatto esplodere alla Manchester Arena, dove era da poco finito un concerto della cantante Ariana Grande. Ventidue persone sono morte. Successivamente l’attacco è stato rivendicato dal gruppo jihadista Stato islamico. Il terrorismo è una minaccia crescente, ormai. Specie in Europa.

La Risk Map di AON, gruppo specializzato in consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa, sottolinea che nel 2016 si sono verificati 4.151 attentati terroristici nel mondo, in crescita rispetto ai 3.633 del 2015. L’aumento più rilevante? In Europa, dove nel 2016 gli attacchi sono stati 96 contro i 35 dell’anno precedente, pari al 174% in più su base annua (per inciso: la Risk Map non considera solo gli attentati jihadisti, ma anche gli atti di violenza legati alla sfera politica). “L’estremismo di matrice islamica – sottolinea AON – è il maggior driver di questi attacchi, sebbene ci sia stata anche una crescita nel numero di attacchi da parte di gruppi di estrema destra verso i rifugiati giunti nel Paese”.
L’attentato di Manchester è il tredicesimo attacco jihadista compiuto in Europa dall’8 gennaio 2015, quando due uomini uccisero 12 persone nella redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo, a Parigi.
Un’inchiesta del Washington Post sottolinea che, secondo i dati del Global Terrorism Database dell’Università del Maryland, in Europa 10.537 persone sono morte in 18.803 attentati terroristici condotti tra il gennaio del 1970 e il dicembre del 2015. Di seguito, l’infografica creata dal sito Statista.

Infographic: Victims Of Terrorist Attacks In Western Europe | Statista You will find more statistics at Statista

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia