Fatturato e occupazione, prosegue la crescita dei servizi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fatturato e occupazione, prosegue la crescita dei servizi

Variazione tendenziale del 4,5%, un aumento che ha interessato tutti i settori. Progressi anche nel mercato del lavoro
di Redazione

Prosegue il trend positivo dei servizi. Nel primo trimestre del 2017, infatti, l’indice destagionalizzato del fatturato (valore corrente che – spiega l’Istat – incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) aumenta dell’1,6% sul quarto trimestre dello scorso anno e del 4,5% rispetto allo stesso periodo del 2016. Una crescita che ha interessato tutti i settori.

L’andamento al rialzo ha riguardato soprattutto le agenzie di viaggio e i servizi di supporto alle imprese (+4,3%, +5% su base tendenziale), il trasporto e magazzinaggio (+2,1%; +4,3% sull’anno), il commercio all’ingrosso, commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+1,7%; su del 5,9%, invece, rispetto al 2016), le attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+1,2%; +0,8% tendenziale), le attività professionali, scientifiche e tecniche (+0,6%; +2,2% su base annua) e i servizi di informazione e comunicazione (+0,2% e +0,7% sul 2016).
Insomma, il settore nel complesso è in salute, come già era risultato evidente dalle stime di Markit il cui indice è aumentato ancora in territorio positivo nel mese di aprile, segnando il più forte rialzo dell’attività economica dall’agosto del 2007 per undici mesi consecutivi di crescita.
Anche sul fronte occupazionale il settore dei servizi ha svolto una funzione di traino negli ultimi anni, nonostante la crisi economica. E ancora nel 2015, pur in presenza di progressi generali nel mercato del lavoro, il segmento di attività economica ha concentrato oltre il 90% della crescita degli occupati.
Nel 2016, osservando i dati relativi all’occupazione e input di lavoro per settore produttivo contenuti nel Rapporto annuale dell’Istat, l’andamento si è mostrato pressoché analogo ai periodi precedenti. La maggiore variazione percentuale sul 2015 ha interessato tuttavia l’agricoltura (4,9%), ma nei servizi si è registrato comunque un incremento dell’1,8% a fronte del +0,8% nell’industria in senso stretto (male le costruzioni: -4,4%). Nel totale la variazione percentuale sul 2015 è pari all’1,3%.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia