Così l’occupazione nell’economia ambientale nell’UE | T-Mag | il magazine di Tecnè

Così l’occupazione nell’economia ambientale nell’UE

Secondo i dati Eurostat nel 2014 sono 4,2 milioni le persone occupate nel settore, quasi 1,4 milioni in più rispetto a quindici anni fa
di Redazione

La green economy è uno dei segmenti che, più di altri, è riuscito a registrare notevoli progressi negli anni della crisi economica. Un settore che ha attirato nuovi investimenti e generato nuovi posti di lavoro. Ma come è cresciuta l’occupazione nell’economia ambientale in quest’ultimo periodo nell’Unione europea?

In Italia, già il rapporto Greenitaly 2016 della Fondazione Symbola e Unioncamere, mise in luce come il contributo sul fronte occupazione del comparto è da ricercarsi soprattutto nella necessità di nuove figure specializzate: nel nostro paese, sottolineava il rapporto, i professionisti “green” sarebbero tre milioni.
E in Europa? Quasi 4,2 milioni di persone nell’UE – i dati Eurostat si riferiscono però al 2014 – lavoravano nell’economia ambientale, vale a dire quasi 1,4 milioni in più di quindici anni fa.
L’ufficio statistico dell’UE osserva che il 60% di questi posti di lavoro riguardano attività di protezione ambientale, che consistono nel prevenire, ridurre ed eliminare l’inquinamento e qualsiasi altra forma di degrado ambientale. Il restante 40%, invece, comprende le attività di gestione delle risorse, come preservare e mantenere lo stock di risorse naturali.
Tra il 2000 e il 2014, l’occupazione nell’economia ambientale è cresciuta ad un ritmo più veloce (+49%) rispetto a quella complessiva (+6%). L’aumento del numero di posti di lavoro all’interno dell’economia ambientale è dipesa in particolar modo dalla crescita nella gestione delle risorse energetiche, soprattutto per quanto riguarda la produzione di energia da fonti rinnovabili (come energia eolica e solare) e la produzione di attrezzature e impianti per il risparmio di calore ed energia.
Le attività nei lavori legati all’ambiente, rileva ancora l’Eurostat, si sono concentrate principalmente nella “fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; fornitura di acqua, reti fognarie, gestione dei rifiuti e di bonifica” (34% del totale degli occupati), “costruzioni” (27%), “servizi” (17%), “attrezzatura cave e di fabbricazione” (14%) e “agricoltura” (8%).

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia