Energia elettrica: bolletta su del 22% tra il 2010 ed il 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Energia elettrica: bolletta su del 22% tra il 2010 ed il 2016

Nel nostro Paese l'energia elettrica costa 0,2377 euro per kWh, ma le tasse pesano per il 39,87% sul prezzo finale
di Redazione

Negli ultimi sette anni l’importo della bolletta dell’energia elettrica è aumentato notevolmente in gran parte dei Paesi europei, Italia compresa. A quantificare la variazione ci ha pensato ImpresaLavoro che nella sua ultima analisi parla di una crescita del 20,45% per l’importo medio dell’Unione europea e di un +22,23% per quello dell’Eurozona.

Osservando le tabelle – compilate mediante elaborazioni di dati Eurostat – si può notare come la crescita più consistente abbia interessato la Lettonia, dove tra il 2010 ed il 2016 si è registrato un +55,08%. Seguono il Portogallo, con un +45,05%; la Grecia, con un +43,77%; e il Belgio, al quarto posto, con una crescita del 34,48%.
Nel periodo considerato dall’indagine, nel nostro Paese si è invece registrato un aumento del 22,34%, inferiore a quello registrato da tutti i nostri principali partner: per il Regno Unito, ImpresaLavoro indica infatti un +33,40%, per la Francia un +28,98%, per la Spagna un +24,87%, mentre per la Germania un +23,54%. Non mancano, tuttavia, i Paesi in cui si è registrata un flessione nel corso degli anni dell’importo della bolletta. I cali maggiori hanno interessato l’Ungheria (-31,63%), Malta (-23,30%) e Cipro (-18,85%).
Nonostante l’aumento registrato in Italia non sia stato tra i più accentuati, nella classifica per il costo dell’energia elettrica siamo invece quarti con 0,2377 euro per kWh (chilowattora), piazzandoci alle spalle di Danimarca (con 0,3086 euro), Germania (0,2973 euro) e Belgio (0,2645 euro). Nell’eurozona il costo medio è di 0,2194 euro per kWh, mentre nell’Unione europea di 0,2022 euro.
Anche per quanto riguarda l’incidenza delle tasse sul prezzo finale siamo quarti in Europa: nel nostro Paese il fisco incide infatti per il 39,87% (un’incidenza maggiore si registra in Danimarca, 68,65%, Germania, 53,41%, e Portogallo, 47,28%), contro il 36,06% della media Ue e il 39,36% dell’Eurozona. Il Paese più virtuoso in questo senso è malta con il 4,78%, a cui seguono Bulgaria, 16,68%, e Repubblica Ceca, 18,23%.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Rivista al ribasso la crescita prevista per il 2019: possibile recessione tecnica»

«In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l’attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto».…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banca Carige, la Commissione europea ha approvato il piano del governo per garantire i bond

Lo schema elaborato dal governo, per garantire i bond emessi da Banca Carige e per aiutarlo a raccogliere i fondi di cui necessita, è stato…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2019, rese note le materie per la prova multidisciplinare

Nella seconda prova scritta della maturità 2019, debutta la prova multidisciplinare: al liceo classico sono previsti, infatti, Latino e Greco; Matematica e Fisica allo Scientifico.…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Giusto riflettere sull’austerità»

Le recenti dichiarazioni del presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, sull’eccessiva austerità negli anni della crisi del debito nell’Eurozona «hanno stimolato alcune riflessioni che…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia