L’industria aeroportuale vale il 3,6% del Pil | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’industria aeroportuale vale il 3,6% del Pil

Secondo le stime della Cassa Depositi e Prestiti ad ogni aumento di traffico di dieci punti percentuali, corrisponderebbe un aumento degli investimenti diretti dall’estero del 4,7%.
di Redazione

Tra il 2007 ed il 2017, nonostante le difficoltà legate alla crisi economica, il trasporto aereo in Italia ha continuato a crescere, mettendo a segno un +21,8% cumulato nell’arco di quest’ultimo decennio. È quanto emerge dal Rapporto sul Sistema Aeroportuale italiano, redatto dal Censis in occasione del Cinquantenario della nascita di Assaeroporti.

Tra i vari dati si può leggere come negli ultimi cinque anni il trasporto aereo italiano abbia registrato una crescita dell’11,1%, mentre solo nell’arco degli ultimi dodici mesi si è registrato un +4,6%. Buoni anche i presupposti per l’anno in corso, visto che per il primo quadrimestre il Censis indica un +6,6%. Risultati incoraggianti, anche alla luce delle stime della Cassa Depositi e Prestiti, secondo cui ad ogni aumento di traffico di dieci punti percentuali, corrisponderebbe un aumento degli investimenti diretti dall’estero del 4,7%.
Ad oggi, spiega il Censis, l’industria aeroportuale mondiale vale 260 miliardi di dollari e occupa circa 2,6 milioni di addetti. Solo nel nostro Paese questo settore contribuisce, direttamente o indirettamente, al 3,6% del Pil. Ad impattare maggiormente sulle entrate del settore, per ovvi motivi, sono gli scali più grandi: da soli Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia intercettano il 43% del traffico passeggeri italiano. Al contrario gli aeroporti più piccoli presentano non poche difficoltà. Nell’ultimo quinquennio gli scali con meno di due milioni di passeggeri hanno perso il 14,7% del loro traffico. In generale nel 2016 sono stati 164 milioni i viaggiatori che hanno transitato negli aeroporti italiani, un numero che entro il 2035 potrebbe raddoppiare, arrivando a toccare le 311 milioni di unità.
Un contributo all’intero sistema aeroportuale arriva anche dal comparto cargo. A livello mondiale, nonostante in termini di volumi il trasporto aereo rappresenti solo il 2% dell’intero trasporto merci, in termini di valore si sale ad una quota del 35%. Un impatto notevole è arrivato proprio negli ultimi anni grazie allo sviluppo dell’e-commerce, per il quale l’aereo cargo rappresenta il mezzo di trasporto nel 90% dei casi.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia