Quando si vorrebbe lavorare di più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quando si vorrebbe lavorare di più

Alla "cultura del riposo" si contrappone un'opposta visione: il desiderio di poter lavorare e guadagnare di più. Part-time involontario e sotto-occupazione gli ostacoli
di Silvia Capone

L’ampio “consenso” che la moderna cultura del lavoro sta acquisendo è legata ai nuovi paradigmi che la tecnologia e l’automazione stanno introducendo. Più flessibilità e più ore da dedicare al riposo e all’ozio, un’immagine che stona con le figure dei “supermanager” sempre operativi, quasi 24 ore su 24. Ma gestire il tempo libero, secondo le proprie opportunità, non è una fortuna per tutti: la retorica può sembrare poco concreta per la consistente platea di lavoratori che, al contrario, hanno la necessità di lavorare un numero maggiore di ore.

Ci troviamo perciò davanti a quella che si può definire una nuova dualità del mercato del lavoro, che vede lavoratori, soprattutto tra i dipendenti, che la BCE ha di recente definito “sotto-occupati”. Nella categoria rientrano gli impiegati che per motivi aziendali sono in esubero, coloro che invece pur lavorando otto ore non sono in grado di provvedere al raggiungimento di condizioni di vita soddisfacenti e i lavoratori in part time involontario. Sono persone quindi costrette a una riduzione del proprio orario lavorativo per cause sia dirette che indirette. Che siano cassaintegrati o lavoratori part time involontari, il loro desiderio sarebbe quello di poter lavorare (e quindi guadagnare di più), ma si allineano alle imposizioni pur di evitare il licenziamento. La sotto-occupazione secondo la BCE ha effetti negativi sulla crescita dei salari, indicando che “potrebbe tuttora persistere un alto grado di sottoutilizzo della manodopera”: un ulteriore freno all’inflazione – obiettivo di Francoforte è il raggiungimento del target prossimo al 2% –, in un contesto di incertezza economica ancora diffusa.

La Banca centrale europea stima che la percentuale dei sotto-occupati si attesta al 3% dei lavoratori totali nell’Eurozona, da aggiungere alle stime sui disoccupati. Per quanto riguarda l’Italia lo scenario non è di certo più favorevole per la crescita del paese, anche se l’ultimo Rapporto annuale dell’Istat descrive una situazione in miglioramento rispetto l’anno precedente. Secondo l’Istituto nazionale di statistica nel 2016 si riduce l’incidenza del part time involontario sul totale, che si attesta al 62,6% (dal 63,9 per cento del 2015). La percentuale rimane ancora molto alta, soprattutto se confrontata con la media UE (26,1%). Lo stesso rapporto mette in luce che aumentano nel 2016 le ore lavorate dai dipendenti italiani e al contempo diminuiscono le ore di cassa integrazione utilizzate. Dati positivi se consideriamo la diffusa involontarietà delle restrizioni sull’orario.

GALASSIA LAVORO

 

Scrivi una replica

News

Musica: si è suicidato il cantante dei Linkin Park Chester Bennington

Il 41enne Chester Bennington, cantante dei gruppo numetal Linkin Park, è stato trovato morto nella sua casa di Los Angeles. Il musicista, che soffriva da…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terremoto di magnitudo 6,7 tra Turchia e isole greche. Due morti e oltre 100 feriti a Kos

Un terremoto – il cui epicentro è stato localizzato a dieci chilometri di profondità in una fetta di mare che si trova a dieci chilometri…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: barile di Wti a 46,93 dollari, Brent a 49,32 dollari

In avvio di scambi il barile di Wti si è presentato a 46,93 dollari, il Brent a 49,32 dollari…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread tra Btp e Bund a 156 punti

All’apertura degli scambi lo spread tra Btp e Bund si è attestato a 156 punti.…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia