Lavoro: il contributo delle assunzioni permanenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: il contributo delle assunzioni permanenti

Secondo i dati dell'Istat, ad aprile gli occupati a tempo indeterminato sono aumentati dell'1% rispetto all'anno precedente. Secondo la Cna, solo nelle imprese più piccole, le assunzioni permanenti sono aumentate del 12,8%.
di Redazione

Nel mese di aprile, a livello nazionale, l’Istat ha registrato un andamento positivo del mercato del lavoro. Il numero degli occupati è infatti aumentato dello 0,4% rispetto al mese precedente e dell’1,2% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. In entrambi i casi un contributo particolarmente positivo è arrivato dagli occupati dipendenti, aumentati dello 0,4% rispetto a marzo e del 2,2% rispetto all’aprile di un anno fa.

Un andamento ancora migliore è stato evidenziato recentemente dalla CNA (la Confederazione nazionale dell’artigianato), secondo cui nelle imprese di piccola entità il tasso di crescita degli occupati è stato persino superiore rispetto al dato nazionale. Stiamo parlando di un aumento degli occupati dell’1,5% rispetto a marzo 2017, contro il +0,7% registrato il mese precedente e il +0,9% del +0,9% rilevato invece a gennaio. Superiore alla media nazionale anche l’incremento rispetto allo stesso mese di un anno fa: +3,4%, contro il +1,2% indicato dall’Istat.
Entrando nel dettaglio la CNA spiega poi che il risultato messo a segno dal numero degli occupati è riconducibile alla crescita del 57,5% delle assunzioni – sostanzialmente doppia rispetto a quella delle cessazioni, +28,2% – e in particolare a quelle a tempo indeterminato, aumentate su base annua del 12,8%. Un “fenomeno – spiega la CNA nell’analisi – che può essere ricondotto, alla migliore regolazione dello strumento operato con il Decreto Poletti del 2014, ma anche grazie agli incentivi per l’occupazione dei giovani iscritti al programma Garanzia giovani, diventati operativi proprio nel mese di aprile”.
Anche a livello nazionale l’apporto dell’occupazione permanente è stato determinante, arrivando a superare quota 15 milioni di individui per la prima volta dal marzo del 2009. Gli occupati dipendenti a tempo indeterminato sono aumentati dello 0,4% tra marzo e aprile del 2017 e dell’1% rispetto allo steso periodo di un anno fa. La media del trimestre febbraio-aprile rispetto al precedente mostra un +0,4%.

 

Scrivi una replica

News

Nel primo trimestre infortuni sul lavoro in aumento del 5,9% su base annua

Nel primo trimestre 2017, gli infortuni sul lavoro accaduti e denunciati all’INAIL sono stati 134 mila – 112mila dei quali in occasione di lavoro e…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Juncker: “Bisogna dire ai cittadini cosa fa l’Unione per loro”

“Sono rattristato, qualche volta scioccato, nel vedere, viaggiando attraverso l’Europa, il triste anonimato dei progetti finanziati dall’Ue. Come volete che i cittadini si avvicinino all’Unione,…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Washington: “Damasco sta preparando un nuovo attacco chimico”

Il governo siriano sta preparando un nuovo attacco chimico che potrebbe uccidere molti civili, inclusi dei bambini. Così in una nota il portavoce della Casa…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Esm: “Quello italiano non è un problema acuto”

Non c’è “un problema acuto” per il settore bancario italiano. Lo ha detto il direttore del fondo salva-Stati ESM, Klaus Regling, intervenendo dal Lussemburgo. Secondo…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia