I fattori che trainano la crescita mondiale | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che trainano la crescita mondiale

Secondo la Banca mondiale, anche il miglioramento della fiducia e le condizioni finanziarie internazionali aiuteranno la ripresa
di Redazione

La Banca mondiale prevede che il 2017 sarà un anno positivo e lo stesso vale per il 2018. Nel prossimo biennio il Prodotto interno lordo globale crescerà – nonostante le incertezze –, anche se uno studio di Pimco sostiene che ci sono molte probabilità che l’economia mondiale dovrà fare i conti con una nuova recessione nel 2022.

Nel Global Economic Prospects, gli analisti della Banca mondiale hanno lasciato invariato le stime di crescita. Il PIL globale dovrebbe aumentare del 2,7% nel 2017 (i Paesi industrializzati cresceranno dell’1,9% contro il +4,1% delle economie emergenti).
Meglio dovrebbe andare l’anno successivo: la crescita attesa per il 2018 raggiunge il 2,9% e che se confermata, si tratterebbe della performance migliore degli ultimi sette anni.
L’incremento atteso è inferiore comunque di oltre tre punti percentuali al tasso di crescita medio di dieci anni fa, prima dell’inizio della crisi economica.
Tanti sono i fattori che contribuiscono alla crescita dell’economia: la Banca mondiale indica esplicitamente la ripresa del settore manifatturiero e del commercio, il miglioramento della fiducia e le condizioni finanziarie internazionali che rimangono positive.
La stabilizzazione dei prezzi delle materie prime incentiverà una ripresa delle esportazioni di commodities da parte dei mercati emergenti e dei Paesi in via di sviluppo.
Allargando l’orizzonte temporale, però, uno studio di Pimco – la Pacific Investment Management Company, una società di gestione di investimenti – sostiene che, a breve, l’economia mondiale potrebbe affrontare una nuova recessione: ci sono il 70% di probabilità che ciò accada entro il 2022.
Tre sono i principali fattori di rischio indicati nel report: gli elevati livelli di debito, l’esaurimento della politica monetaria e il diffondersi del populismo.
Secondo Pimco, il ritmo di crescita medio dell’Eurozona si attesterà dell’1,5% nei prossimi cinque anni (contro il 2% degli Stati Uniti).

 

Scrivi una replica

News

Tria: «Il Governo non mette in discussione l’euro»

«La linea del Governo è che l’euro non è in discussione». Lo ha detto Giovanni Tria, ministro dell’Economia, a chi gli chiedeva quale fosse la…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P: «Il mercato dei bond verdi è cresciuto dell’85% nel 2017»

Michael Wilkins, managing director sustainable finance di Standard & Poor’s, ha sottolineato, nel corso dell’Italian sustainable finance & investments conference, che «il mercato globale dei…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Theresa May è un partner negoziale affidabile»

«La premier britannica Theresa May è un partner negoziale affidabile per il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker». Lo ha detto lo stesso Jean-Claude Juncker,…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia