Consumi di nuovo fermi: giù le vendite ad aprile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi di nuovo fermi: giù le vendite ad aprile

Sia la Confcommercio che l'Istat evidenziano un calo dei consumi rispetto al mese precedente. Meglio, invece, il confronto con lo scorso anno
di Redazione

Ad aprile l’indicatore congiunturale delle vendite a dettaglio ha registrato una lieve flessione in termini di valore e una variazione nulla per quanto riguarda i volumi. Al contrario, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, l’indice ha riportato un aumento, confermando l’andamento evidenziato già dall’Indicatore dei Consumi della Confcommercio.

Secondo l’Istituto nazionale di statistica nel mese considerato il valore delle vendite al dettaglio è infatti diminuito dello 0,1% rispetto a marzo, risultato di un aumento pari al +0,4% della componente alimentare e di una flessione dello 0,4% per quella non alimentare. Andamento simile ha interessato anche i volumi di vendita: al +0,6% degli alimentari si è contrapposto il -0,4% di quelle non alimentari, comportando appunto una variazione nulla dell’indice totale.
A livello congiunturale il resoconto dell’Istat fa il paio con quello della Confcommercio, secondo cui i consumi nel mese di aprile sono arretrati dello 0,5% rispetto a marzo. Bisogna comunque tenere conto che la Confcommercio nella sua analisi comprende sia i consumi di beni che quelli di servizi, in termini di quantità e non di valore. Soffermandosi sui beni si nota come i consumi abbiano riportato una flessione mensile dello 0,8%, frenando bruscamente rispetto al +0,3% e mettendo a segno il peggior risultato delle ultime dodici rilevazioni. Entrando ancor più nel dettaglio si nota come i consumi di beni alimentari e bevande siano rimasti stabili ad aprile, a fronte del +0,1% registrato il mese prima. Meglio invece i servizi, i cui consumi, secondo l’indicatore, sono aumentati di un lieve 0,1%, confermando la lieve risalita osservata già a marzo (+0,1%), dopo i cali di febbraio (-0,1%) e gennaio (-0,1%).
Rispetto ad anno fa – rileva in questo caso l’Istat – le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1,2% in valore e dello 0,3% in volume, crescite legate in entrambi i casi dalle vendite di prodotti alimentari. Per quanto riguarda i consumi in senso stretto, la variazione tendenziale dell’indice calcolato dalla Confcommercio è stata pari al +0,2%, bilanciata negativamente dal -0,2% che ha interessato i beni mentre i servizi hanno registrato un aumento dei consumi del 2,6%.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia