L’occupazione legata alla trasformazione digitale | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’occupazione legata alla trasformazione digitale

Non mancano i vantaggi anche dal punto di vista salariale. Nelle aziende digitali gli stipendi dei dipendenti sono aumentati del 5,7% nel corso del 2016
di Redazione

Quello che emerge dall’Osservatorio delle Competenze Digitali (condotto da Aica, Assinform, Assintel e Assinter Italia e promosso da Miur e Agid) è un quadro abbastanza chiaro: quello legato alla trasformazione digitale è un mercato solido e sempre più in via di espansione.

Basti pensare che, secondo l’analisi, mentre all’anno la richiesta di professioni ICT sta aumentando ad un tasso medio del 26%, quelle legate prettamente alla trasformazione digitale lievitano di circa il 90%. Nel complesso, si legge, la richiesta di nuove professioni digitali è in crescita del 56%.
Oltre a generare occupazione, il settore ICT offre notevoli vantaggi anche per i lavoratori stessi. Nelle aziende digitali gli stipendi sono cresciuti del 5,7% per i dipendenti e del 4,9% per dirigenti nel corso del 2016.
Alla luce di questi dati appare chiaro quindi che puntare su una formazione specializzata sia piuttosto importante. Secondo le stime formulate dai centri studi, nel triennio in corso (2016-2018) si potrebbero venire a creare 85 mila nuovi posti di lavoro, di cui 28 mila riferibili solamente al 2016.
Eppure ad oggi, secondo una ricerca condotta da Ranstad a livello mondiale, il 62% dei lavoratori dichiara di essere impreparato digitalmente, un dato che sale al 67% nel nostro Paese dove, nonostante ciò, il 90% degli intervistati è consapevole dell’importanza per tutte le imprese di dotarsi di una strategia digitale.

 

Scrivi una replica

News

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, dal 2008 meno negozi più bar-ristoranti e hotel

Attualmente rispetto al 2008, in Italia, ci sono circa 62mila negozi in meno (-10,9%), 39mila bar-ristoranti-hotel in più e una grande crescita delle imprese commerciali…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia