Breve guida alle amministrative 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Breve guida alle amministrative 2017

Si vota domenica 11 giugno dalle 7 alle 23. I comuni interessati dalla tornata elettorale sono complessivamente 1005, tra cui 25 capoluoghi di provincia
di Redazione

Domenica 11 giugno 2017 alcuni comuni delle regioni a statuto ordinario andranno al voto per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali, e dei consigli circoscrizionali nelle regioni a statuto ordinario. L’eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci si svolgerà domenica 25 giugno. Per quanto riguarda le regioni a statuto speciale, il giorno delle elezioni amministrative è stabilito dall’autorità regionale competente. In Friuli-Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna, la data coincide con quella fissata per le regioni a statuto ordinario, l’11 giugno. Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige, invece, hanno votato il 7 maggio 2017. I comuni interessati complessivamente dalla tornata elettorale sono 1005, tra i quali 25 capoluoghi di provincia. I cittadini chiamati al voto sono 9.208.639, su una popolazione di 10.616.621. Nel dettaglio, 161 sono i comuni superiori ai 15000 abitanti, di cui 25 comuni capoluogo di provincia (tra questi quattro comuni capoluogo di regione: Palermo, Genova, Catanzaro e L’Aquila) e 844 i comuni pari o inferiori ai 15000 abitanti.​

I QUATTRO COMUNI CAPOLUOGO DI REGIONE
A Palermo il sindaco uscente Leoluca Orlando dovrà vedersela con gli sfidanti Fabrizio Ferrandelli (sostenuto da Udc e Forza Italia), Ugo Forello del M5S, Ismaele La Vardera (sostenuto da Fratelli d’Italia e Noi con Salvini), Nadia Spallitta (candidata dei Verdi) e Ciro Lomonte (Siciliani Liberi).
A Genova i candidati sono Gianni Crivello (centrosinistra), Marco Bucci (centrodestra), Luca Pirondini (M5S), Cinzia Ronzitti (Partito comunista dei lavoratori), Stefano Arrighi (Popolo della Famiglia), Marika Cassimatis (lista civica Marika Cassimatis sindaco), Marco Mori (lista civica Riscossa Italia), Paolo Putti (lista civica Chiamami “Genova”), Arcangelo Maria Merella (lista civica Ge9si Siamo Genova).
A Catanzaro invece i candidati sono quattro: attorno al sindaco uscente Sergio Abramo ruotano sei liste (tra cui Forza Italia), poi Vincenzo Ciconte (centrosinistra), Bianca Granato (M5S), Nicola Fiorita (lista civica Cambiavento, Insieme per Fiorita, Catanzaro 1594).
Nel capoluogo abruzzese, L’Aquila, i candidati sono sette: Americo Di Benedetto è il candidato del centrosinistra, Pierluigi Biondi quello del centrodestra. Poi Fabrizio Righetti (M5S), Carla Cimoroni (Sinistra bene comune L’Aquila a sinistra, L’Aquila che vogliamo, L’Aquila chiama) Giancarlo Silveri (lista civica Riscatto Popolare), Nicola Trifuoggi (Progetto Trifuoggi, Città Territorio), Claudia Pagliariccio (Casapound Italia).

IL CASO PARMA
Parma è tra i casi più “curiosi” di questa tornata elettorale: il sindaco uscente Federico Pizzarotti è il primo eletto con il Movimento 5 Stelle in un capoluogo di provincia, ma è stato in seguito espulso dal partito. Dunque ricorre per la carica con la lista civica che lo sostiene (lista civica Effetto Parma). Paolo Scarpa è il candidato del centrosinistra, Laura Cavandoli quella del centrodestra. Daniele Ghirarduzzi è il candidato del M5S.

QUANDO SI VOTA, COME SI VOTA
Dalle ore 7.00 alle ore 23.00 di domenica 11 giugno 2017 si svolgeranno le operazioni di voto per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali e per l’elezione dei consigli circoscrizionali nelle regioni a statuto ordinario. L’eventuale turno di ballottaggio si svolgerà domenica 25 giugno dalle ore 7.00 alle ore 23.00. I dati sull’affluenza alle urne, relativi alle ore 12.00, 19.00 e 23.00 di domenica 11 giugno, e i risultati, saranno consultabili attraverso il sito www.interno.gov.it e http://elezioni.interno.it. Lo scrutinio dei voti inizierà a partire dalle ore 23.00 di domenica 11 giugno, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti.
Gli elettori dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale a carattere permanente. Per agevolare il rilascio delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati, gli uffici comunali saranno aperti anche nei due giorni antecedenti la data della votazione, e cioè venerdì 9 e sabato 10 giugno, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, e domenica 11 giugno per tutta la durata delle operazioni di voto, e quindi dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

(fonte: interno.gov.it)

 

Scrivi una replica

News

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, dal 2008 meno negozi più bar-ristoranti e hotel

Attualmente rispetto al 2008, in Italia, ci sono circa 62mila negozi in meno (-10,9%), 39mila bar-ristoranti-hotel in più e una grande crescita delle imprese commerciali…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia