UK: May ha perso la maggioranza | T-Mag | il magazine di Tecnè

UK: May ha perso la maggioranza

La leader dei Tories ha "perso" la sua scommessa: avere una maggioranza larga e rafforzare il mandato in vista delle negoziazioni per la Brexit. Ma non molla: «Formerò un nuovo governo per attuare la Brexit e mantenere il paese sicuro»
di Redazione

Nel Regno Unito si è verificata la peggiore delle ipotesi sul piatto del Partito conservatore di Theresa May: perdere la maggioranza, pur confermandosi primo partito. Il recupero dei laburisti di Jeremy Corbyn, che era stato già “misurato” negli ultimi giorni di campagna elettorale, c’è effettivamente stato. In soldoni: dal voto anticipato dell’8 giugno – che May ha voluto nella speranza di ottenere un più ampio consenso e quindi un mandato forte per negoziare la Brexit con l’UE – il Labour esce con 29 seggi in più, i Tories ne hanno invece persi 12 rispetto al 2015, ottenendone 318 quando la maggioranza necessaria per governare è 326 (i seggi in palio, in tutto, sono 650). Il Parlamento è dunque appeso, il rischio hung parliament si è materializzato. Ma Theresa May è intenzionata ad andare avanti e annuncia: «Formerò un nuovo governo per attuare la Brexit e mantenere il paese sicuro».

Il Partito nazionale scozzese di Nicola Sturgeon ha 35 seggi (in calo anch’esso), i LibDem ne contano cinque in più, portandosi a quota 12. Il DUP (il Partito unionista nordirlandese) ne ha conquistati dieci. E chissà che non arrivi proprio da questi ultimi la stampella in soccorso di Theresa May. Le indiscrezioni già vorrebbero le due forze politiche dialoganti, in vista di una possibile coalizione di governo, mentre i LibDem si sono sfilati con anticipo, decidendo di non replicare l’esperienza del 2010 Cameron-Clegg. Il voto consegna al Regno Unito un partito conservatore sulla carta “sconfitto” – considerate le premesse, almeno – e potenzialmente alle prese con più che probabili beghe interne.

Alla luce del risultato, netto, il leader del Labour, Jeremy Corbyn, aveva in primo momento chiesto (di nuovo) le dimissioni di Theresa May. Il meccanismo non è però così automatico. May, in quanto leader del partito che ha ottenuto il maggior numero di seggi, ha ricevuto l’incarico dalla Regina e ora proverà a formare il governo. Seguiranno trattative: il Parlamento dovrà riunirsi il 13 giugno (l’inizio delle negoziazioni per la Brexit cominceranno formalmente il 19 giugno) e se per allora non dovesse essere riuscita a sciogliere il nodo, la Regina darà a Corbyn il mandato in quanto leader della seconda forza politica. Se pure il secondo tentativo dovesse rivelarsi un buco nell’acqua, certo non si può escludere la possibilità di tornare al voto. Altra prospettiva, almeno stando alle ipotesi subito formulate dai giornali britannici, è che Theresa May possa riconoscere a breve la sconfitta della propria scommessa e lasciare che sia qualcun altro, tra i conservatori, a guidare la transizione. Una remota eventualità, vista l’immediata reazione di Theresa May.

LEGGI ANCHE:
Il Regno Unito alla prova del voto

 

Scrivi una replica

News

Zimbabwe, si è dimesso il presidente Robert Mugabe

Il presidente, Robert Mugabe, si è dimesso, dopo che il suo partito gli aveva chiesto di farlo entro le 11 ora italiana di oggi. Così…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Il ‘no deal’ è ancora possibile”

“Il non raggiungimento di un accordo sulla Brexit tra Regno Unito e Ue, il cosiddetto ‘no deal’, è ancora possibile”. Lo ha detto il ministro…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iraq, camion-bomba provoca 20 morti

Un camion-bomba esploso nel nord dell’Iraq ha provocato la morte di almeno 20 persone. Lo ha riferito la televisione libanese Al Mayadin citando fonti della…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, la Cgil ha bocciato la proposta del governo

La CGIL ha proclamato una mobilitazione per il 2 dicembre 2017. Il sindacato ha bocciato il pacchetto pensioni da 300 milioni di euro presentato dall’esecutivo,…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia